Haiku in versione lariana

I testi di Tavernati

(c.f.) È una raccolta di poesie particolare quella del comasco Andrea Tavernati. L’Intima Essenza (Edizioni Esordienti E-book, pp. 188, euro 12) è, infatti, un insieme di haiku, breve forma poetica originaria del Giappone, costituita da soli tre versi di 5, 7 e 5 sillabe.
La scelta del componimento giapponese, semplice e formale, è dettata dalla necessità di recuperare appunto l’“intima essenza” di una lunga ricerca interiore. È però un approccio “occidentale” all’haiku

in quanto, pur essendo stato mantenuto il rigore metrico, il contenuto è estremamente libero.
Il volume si divide in tre sezioni: Labirinto, Mandala e Ritorno. La prima rappresenta una presa di coscienza del reale attraverso la poesia ed il linguaggio, la seconda è un’immersione nell’intima essenza, che prende le distanze dall’esteriorità del concreto, mentre l’ultima è un ritorno al vero che, dopo l’esperienza precedente, viene vissuto in modo innovativo, con una maggiore consapevolezza del Sé. Il centro del libro si colloca nella seconda sezione, che a sua volta ha come epicentro un unico haiku, in grado di cogliere con i suoi ossimori la profondità dell’essere. L’intima essenza, infatti, può essere raggiunta solo dopo aver eliminato tutto il superfluo, che pervade la vita dell’individuo, legato alle abitudini, alle convenzioni sociali o alle leggi. Anche la lettura degli haiku, suggerisce l’autore, deve essere fatta tenendo presente questo principio. Occorrerebbe infatti leggere le parole contemporaneamente e non in successione secondo il più abituale livello di lettura: il senso del testo va percepito nella sua essenza.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.