I banditi del gas tornano a colpire a Carlazzo. Esplode il Bancomat: via con 39mila euro

alt Analogie con i precedenti di Sorico e Turate
Un botto violento, in piena notte, che ha letteralmente fatto saltare in aria il Bancomat della Banca Popolare di Sondrio a Carlazzo.
La banda del gas è tornata a colpire, a poche ore dal precedente assalto di Turate e in modo analogo a quanto accaduto a Sorico. E, va detto, non ci sarebbero dubbi sul fatto che ad agire in tutti i casi sarebbe stato lo stesso gruppo di malviventi.
Banditi che conoscevano bene anche la logistica della banca di Carlazzo, le vie di fuga e il posizionamento

delle telecamere di videosorveglianza. Qualche ripresa comunque ci sarebbe ed è soprattutto legata a questi fotogrammi la speranza di risalire agli autori del gesto. Il Bancomat è stato riempito di gas ed è poi stato fatto saltare in aria con un’esplosione che è stata udita a chilometri di distanza. I ladri hanno preso tutto quanto era contenuto nel cassetto interno. Il bottino è poi stato quantificato in circa 39.000 euro. La deflagrazione ha danneggiato anche la struttura che conteneva lo sportello automatico, mentre in precedenza i ladri avevano sfondato una vetrata per arrivare in prossimità del Bancomat e iniziare le operazioni. Sull’assalto stanno indagando i carabinieri di Porlezza, ma anche il nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Menaggio e il reparto operativo del comando provinciale di Como. A inquietare è soprattutto la consapevolezza che le dinamiche fanno pensare chiaramente a una banda in azione in provincia, dedita a questa particolare tecnica di assalto mediante, appunto, una miscela esplosiva.

M.Pv.

Nella foto:
L’istituto di credito di Carlazzo preso di mira dalla banda del gas (foto Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.