I big del Mondiale prenotano il Rally Aci Como-Etv. La gara 2020 adeguata ai protocolli per il Covid

È annunciata anche la presenza di protagonisti del Mondiale al Rally Aci Como-Etv, gara in programma i prossimi 6 e 7 novembre sulle strade del Lario. Non a caso nel regolamento particolare è stata ammessa la categoria “Wrc Plus”, quella delle auto della rassegna iridata.
La notizia è stata data oggi alla presentazione della corsa organizzata dall’Aci con l’auspicio del presidente Enrico Gelpi «che tutto si possa svolgere regolarmente». L’emergenza Coronavirus rappresenta una incognita. Ma l’organizzazione procede con «tenacia e passione», come ha voluto sottolineare l’assessore regionale allo Sport, Martina Cambiaghi, ospite della conferenza stampa.
Tutto è stato riadeguato ai protocolli per il Covid. Niente partenza e arrivo in piazza Cavour, parco assistenza a Lario Tir chiuso al pubblico, meno prove speciali (niente Val Cavargna e tracciati fra Valle Intelvi e Triangolo Lariano), in cui non ci saranno zone riservate agli appassionati, come in passato, anche se le strade non verranno bloccate.
Una corsa che, come detto, potrebbe essere terreno di test per qualche protagonista del Mondiale, in vista dell’Aci Rally Monza iridato dei primi di dicembre, che sarà disputato tra autodromo e Nord Lombardia. Como, è noto, è in pole position per ospitare qualche prova speciale (la “Sormano-Nesso” sarebbe assai gradita per bellezza, caratteristiche tecniche e vicinanza con Monza), ma sono in fase di valutazione anche altri tratti del territorio regionale, non soltanto lariani.
L’attenzione. per ora, è tutta, giustamente, sul Rally Aci Como-Etv, finale nazionale AciSport Rally Cup Italia.
«Abbiamo scommesso su questo evento da mesi – ha detto Gelpi – con la speranza di poterlo fare. Sarà una edizione particolare, inutile negarlo, ma era l’unico modo per organizzarla».
«Tutto il mondo dello sport ha avuto problemi, ma la mia presenza vuole essere un segnale di vicinanza a chi propone questo evento da parte della Regione», ha spiegato Martina Cambiaghi.
«Teniamo molto a questa gara, che fa da traino al nostro territorio», ha sottolineato dal canto suo Fiorenzo Bongiasca, presidente della Provincia di Como. «La perseveranza dell’Aci merita di essere premiata – ha aggiunto Marco Galli, assessore allo sport del Comune di Como – e speriamo di poterci ritrovare nel 2021 in piazza Cavour con un clima differente».
Il caporedattore di Espansione Tv, Andrea Bambace, ha sottolineato che «il rapporto di collaborazione prosegue da decenni per la serietà, competenza e passione di chi cura l’evento, e avrà una ampia copertura televisiva da parte dell’emittente».
I particolari tecnici della corsa sono stati spiegati dal direttore di gara Vittorio Galvani e dal delegato sportivo Paolo Brenna.
Dopo il test delle vetture venerdì 6 dalle 9 alle 14.30 in Valfresca, la partenza sarà da Lario Tir alle 17, con la disputa della prova “Alpe Grande 1” alle 18.10. Il giorno dopo, sabato, la scansione dei tratti cronometrati sarà “Sormano-Zelbio-Nesso 1” alle 8.42, “Bellagio-Piano Rancio-Ghisallo 1” alle 9.38, “Alpe Grande 2” alle 13.17, “Sormano-Zelbio-Nesso 2” alle 15.59 e “Bellagio-Piano Rancio-Ghisallo 2” alle 16.55. Arrivo a Como da Driver in via Paoli alle 18.10. Sul percorso, a garantire la sicurezza, 250 ufficiali di gara, 13 ambulanze e 9 carri attrezzi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.