I comitati cittadini verso la fusione in un unico soggetto

alt I punti caldi della protesta

(f.bar.) Nasce un maxi comitato che da piazza Roma si spinge fino a via Milano Bassa. E potrebbe allargarsi ancora di più. La protesta anti Ztl, portata avanti ormai da mesi dal gruppo “Como di Tutti”, trova nuovi alleati.
Soltanto poche ore fa, 40 commercianti di via Milano Bassa – il numero è in crescita – ha deciso di unirsi per rilanciare e riqualificare quella che un tempo era tra le strade commerciali più rinomate della città. Semplici gli obiettivi: riapertura del parcheggio della

Ticosa, fondamentale per i clienti, un nuovo arredo urbano e maggior sicurezza.
Alcuni di questi negozianti, nelle settimane scorse, hanno spesso solidarizzato con la protesta anti-Ztl di piazza Roma. Ma adesso dall’appoggio morale si è passati ai fatti. Il consigliere Alessandro Rapinese (Adesso Como), portavoce del Comitato “Como di Tutti”, ha contattato il nuovo gruppo di via Milano Bassa ed è così nata una solida alleanza.
Comuni gli intenti: battersi per una città vivibile e turistica dove sia però possibile poter trovare un parcheggio a ridosso del centro. «Dove si possa dialogare con la giunta», hanno detto in via Milano Bassa. Dove si possa sperare in una ormai sempre più necessaria opera di riqualificazione di spazi vitali come la parte bassa di via Milano, piazza Roma e altre aree.
«Ho immediatamente chiamato i responsabili della via e siamo in sintonia per andare avanti, ovviamente nel rispetto delle reciproche prerogative e priorità. La strada intrapresa vuole solo portare ad avere risposte dalla giunta», ha detto Rapinese.
Ma questa unione potrebbe allargarsi fino a coinvolgere ulteriori soggetti. Da sempre infatti, in particolare da quando oltre un anno e mezzo fa venne istituito il divieto di accesso dalle 7 alle 9 nella parte alta di via Milano, i commercianti di questa zona si lamentano per il provvedimento. Hanno sottolineato come fosse un invito per chi arriva in città ad andare via.
Senza contare l’eliminazione dei parcheggi in Ticosa, altra tegola su un settore già traballante. Da qui l’ulteriore passo avanti che si dovrebbe concludere già nelle prossime ore.
Il fronte compatto che da piazza Roma è ormai approdato in via Milano Bassa punta dunque a estendersi anche nel resto della via. «Quanto prima incontrerò Stefano Vicari (presidente dei commercianti di via Milano Alta) per vedere se esistono i presupposti per unirci tutti insieme e far sentire in maniera più convincente la voce della città», dice Rapinese.

Nella foto:
Un’immagine di piazza Roma, ora dedicata soltanto ai residenti e fulcro delle proteste

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.