I controlli della polizia locale nel periodo di Ferragosto, 232 multe per divieto di sosta

Controlli della polizia locale a Como

La Polizia Locale di Como, nel periodo dal 10 al 19 di agosto, ha garantito il controllo del territorio con 6 pattuglie al giorno. Sono stati redatti 232 verbali per divieti di sosta e violazioni del codice della strada. Compiuti inoltre i rilievi di 12 incidenti stradali, 6 dei quali con feriti. Gli agenti di Polizia locale durante i loro controlli hanno sospeso dalla circolazione 3 veicoli senza revisione, sequestrato altri 3 veicoli e rimossi altri 5 perché intralciavano la circolazione. Da segnalare che uno di questi, con targa svizzera, è stato rimosso l’11 agosto da piazza Roma poiché in sosta da più giorni negli spazi riservati ai residenti senza alcun titolo autorizzativo o permesso. Particolarmente movimentata la notte fra il 10 e l’11 agosto con 4 interventi. Tra questi, alle 5.30 del mattino, quando ormai la pattuglia era al termine del suo servizio, in piazzale San Rocchetto, si è imbattuta in un ciclomotore con a bordo due ragazzini che alla vista dell’auto di servizio sono scappati prendendo via Barelli contromano. E’ iniziato un breve inseguimento che si è concluso in via Borsieri, dove il conducente del ciclomotore è stato fermato. Dai controlli sulla persona e sul veicolo i due agenti hanno accertato che il ragazzino, di appena 14 anni, non aveva la patente di guida e che aveva appena rubato il motorino che guidava. Il minorenne è stato accompagnato in comando e denunciato per furto, oltre alla contestazione per guida senza patente. Poco più tardi, verso le 7.30 del mattino, il minore è stato consegnato al padre e finalmente i due agenti hanno potuto concludere il loro servizio durato 12 intense ore. Altro intervento in via Milano alta dove la polizia ha notato un autocarro parcheggiato in divieto di sosta. Dopo i controlli è stato scoperto che si stavano effettuando delle operazioni di smaltimento di rifiuti senza autorizzazione. Al momento del controllo sull’autocarro c’erano già circa 700 kg di materiale di risulta proveniente da un cantiere edile di demolizione e scavo all’interno di un cortile di via Milano.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.