I disegni più preziosi valgono oltre 100mila euro

altL’allestimento in Pinacoteca
Ieri in Pinacoteca, Guglielmo Invernizzi, già titolare della “Bottega della Cornice” in viale Lecco e curatore della collezione di incisioni della vicina Biblioteca, lavorava alacremente con viti e avvitatori per preparare per conto del Comune l’allestimento della mostra dei 50 disegni di

Antonio Sant’Elia, mai visti da oltre mezzo secolo (l’ultima esposizione fu a Villa Olmo nel 1962). Evento che andrà in scena a Palazzo Volpi in parallelo alla grande mostra di Villa Olmo.
«Ogni cornice di legno che contiene i disegni è dotata di vetro antiriflesso ed è agganciata al muro con un sistema antifurto a tre punti», ha detto Invernizzi.
Notevole il valore economico di questi disegni che sono di proprietà pubblica. «Alcuni dei più importanti sono assicurati per oltre centomila euro», ha detto Letizia Casati, che firma con Luciano Caramel e Alberto Longatti il catalogo di tutta la collezione di Sant’Elia edito da Silvana. Diffuso già a Milano, ma a Como ancora no. Si dovrà aspettare il 23 marzo, giorno dell’inaugurazione dell’intero pacchetto di eventi che prevede anche un’altra mostra di disegni nella sede di Confindustria Como.

Nella foto:
Guglielmo Invernizzi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.