I lavori al mercato coperto si concluderanno tra un anno

La ristrutturazione  – Verrà dato spazio anche a eventi culturali e artistici
L’assessore Introzzi: «Vogliamo attrarre i turisti»
Riqualificare il mercato coperto di via Mentana non solo per rilanciare il commercio, ma anche per renderlo centro attivo nella vita sociale di comaschi e turisti. Questo l’obiettivo dei lavori di ristrutturazione, in corso da fine giugno, nel padiglione degli ex grossisti. Il progetto risale al 2009, quando l’area fu riconosciuta dalla Regione Lombardia come mercato di valenza storica di tradizione, ma solo questa estate sono partiti i lavori. «È un’occasione molto bella per la città e un’eredità della precedente amministrazione
 che raccogliamo con piacere – spiega Gisella Introzzi, assessore alle Attività produttive e al Commercio – La speranza è di rispondere ai bisogni dei cittadini, ma anche di attrarre turisti».
L’intervento, finanziato dall’amministrazione comunale con un investimento di circa un milione e 800mila euro, 249mila dei quali coperti da un contributo della Regione per la creazione del distretto urbano del commercio, prevede una nuova area di 1.600 metri quadrati. Gli spazi rinnovati, che dovrebbero essere pronti per ottobre 2013, saranno destinati principalmente alla vendita di beni non alimentari, ma anche ad eventi culturali e artistici. «Vogliamo che questo luogo diventi vitale e di qualità – ha aggiunto il sindaco Mario Lucini – I mercati hanno una valenza sociale importante e speriamo accada questo anche a Como». Il progetto, realizzato dal settore Edilizia pubblica di Palazzo Cernezzi, prevede l’inserimento di un’area ludica per i bambini, di spazi per la promozione di prodotti locali, di un punto di informazione turistica e anche la dotazione di una connessione wi-fi. «Il nostro auspicio è che i lavori seguano con precisione il cronoprogramma – ha detto Enrico Capitani, direttore generale vicario del settore Commercio della Regione – Mi auguro che questo possa diventare un punto di incontro per tutti, soprattutto per i giovani».
Il progetto prevede anche la realizzazione di una rampa di accesso, in via Sirtori, per le persone con difficoltà motorie, oltre alla realizzazione futura di un piano soppalcato (di circa 700 mq) dove inserire ulteriori spazi commerciali, ma anche bar e ristoranti. «Siamo molto felici di aver ereditato questo progetto – ha spiegato l’assessore all’Edilizia pubblica, Daniela Gerosa – per restituire a questo punto della città l’importanza che merita. Vogliamo anche proporre una nuova modalità di comunicazione più diretta con i cittadini che potranno seguire l’andamento dei principali lavori pubblici attraverso una mappa interattiva dei cantieri e un question time per dialogare con il direttore lavori». A definire le modalità di assegnazione dei nuovi spazi sarà il settore Commercio del Comune. «Ci piacerebbe anche raccogliere proposte e idee per rendere ancora più vivo questo punto della città – conclude Gisella Introzzi – così come sarebbe bello avere qui la presenza di laboratori per rilanciare l’artigianato locale».

Francesca Guido

Nella foto:
Così appare oggi l’interno dei padiglioni. Il progetto risale al 2009, ma il cantiere è stato avviato soltanto questa estate (fotoservizio Mattia Vacca)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.