Cronaca

I nativi digitali e quelle nuove famiglie “social”

alt Tra presente e futuro
Folla all’incontro dedicato al rapporto degli adolescenti con Internet
Sono nati subito dopo Internet e con esso sono cresciuti. Stanno ore e ore attaccati al computer, hanno una pagina Facebook o Twitter con un’infinità di amici virtuali con i quali sono sempre connessi e, se c’è un problema informatico, probabilmente saranno i primi a risolverlo. Sono i “nativi digitali”, i ragazzini che adesso hanno dagli 11 ai 13 anni, di cui si è parlato martedì sera nell’aula magna della scuola media “Giuseppe Parini” in un incontro dedicato ai genitori, promosso e

organizzato dall’assessorato alle Politiche educative e dallo Spazio famiglie del Comune di Como.
Secondo lo psicologo e psicoterapeuta Matteo Lancini, la generazione dei nativi digitali impone un profondo cambiamento del modello educativo. «Da una famiglia tradizionale si è passati a una famiglia affettiva o relazionale – spiega – e questo passaggio ha segnato profondamente il modo di educare i figli. Se prima la suddivisione dei ruoli era più marcata, oggi si tende a mantenere un contatto continuo e costante con i propri figli, una connessione mentale prima che fisica». Ed è proprio in questo contesto che il digitale fa il suo ingresso trionfale, nel cercare di estendere il più possibile la relazione tra genitori e figli. «Si pensa che i bambini siano i primi ad avvicinarsi alla tecnologia proprio perché questa è la generazione dell’interattività e della multimedialità – dice Matteo Lancini – E invece i genitori sono i primi a regalare loro il telefonino quando hanno 8 anni. La tecnologia trova spazio nell’idea di crescere lontano dalla corporeità ma vicini con la mente. Si costruisce così un cordone ombelicale virtuale per affrontare separazioni precoci dai figli». E cosa ne deriva da questo attaccamento quasi patologico? «Il senso di protezione nei confronti dei figli ha raggiunto livelli altissimi – continua Matteo Lancini – e questo comporta la chiusura degli spazi di socializzazione spontanea. Ecco allora che le prime connessioni a Internet avvengono in casa, i cortili come luogo di gioco non esistono più e le relazioni vengono spostate in un mondo virtuale dove le emozioni vengono vissute senza corpo e spazio».
Tantissimi i genitori, soprattutto mamme, che hanno partecipato all’incontro, curiosi di conoscere qualche nuovo aspetto sui propri figli. «Spero di ricevere qualche consiglio utile – dice Maria Vittoria Lagruta – È importante sapersi relazionare con i figli nella preadolescenza».
«È importante tenersi informati sulla realtà che ci circonda – dice Sara Filippetto – oltre a conoscere a fondo i nostri bambini e il contesto in cui crescono». C’è anche chi ha qualche timore. «Il mondo di Internet mi ha sempre spaventata un po’ – affermano Paola Marello e Lucia Alberio – e approfondire l’argomento spero mi aiuti a tranquillizzarmi e a conoscere meglio i rischi».
«Chi è genitore sa quanto sia difficile instaurare un dialogo con i figli quando cominciano a crescere – dice Elena Redaelli – e tra computer e smartphone è sempre più complicato entrare nel loro mondo. Quest’iniziativa è un aiuto importante per tutti noi». Non mancano le “mamme digitali”. «Sono una mamma tecnologica – dice Giovanna Montarelli – sono iscritta a tutti i principali social network e uso molto Internet, ma quando si parla di figli c’è sempre la necessità di una nuova chiave di lettura e di qualche spunto in più».

Enrica Corselli

Nella foto:
il vicesindaco Silvia Magni (in piedi) e, alle sue spalle, il tavolo dei relatori della serata dedicata alla cosiddetta generazione dei nativi digitali  (Mv)
8 Maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto