I nodi del 2019: Villa Olmo

Villa Olmo

Villa Olmo, personaggio in cerca d’autore
perché torni a essere sede di grandi mostre

Come garantire un solido futuro a Villa Olmo? Uno dei nodi da sciogliere quest’anno sarà il migliore modello di gestione per la storica dimora neoclassica a lago di proprietà comunale, sede un tempo di grandi mostre di successo e “casa della cultura” per antonomasia di Como per prestigio, imponenza e bellezza. L’assessore comunale delegato per la questione, Marco Butti, dialoga da tempo con “Struttura Srl”, società di Roma che lo scorso 19 giugno aveva presentato alla giunta una prima relazione sulla sostenibilità economica dei vari modelli di gestione. Tra le varie ipotesi c’è la “Fondazione di partecipazione”, ossia un soggetto pubblico-privato capace di «coinvolgere soggetti diversi dal fondatore». C’è, inoltre, da ridisegnare l’assetto gestionale dei musei civici, ricchi di tesori ma poco noti e soprattutto poco visitati.

9. Continua…

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.