I parcheggi e le tariffe pazze: il caso di via Borgovico

alt

La protesta di un lettore
Posti blu a pochi metri di distanza ma con costi addirittura quadrupli

(f.bar.) Quando si parla di parcheggi, Como è sempre in grado di riservare sorprese. Per lo più sgradite agli automobilisti.
Un esempio lampante in tal senso è rappresentato dai pochi posti blu rimasti in via Borgovico, proprio di fronte alla sede della Provincia. Qui, come già segnalato in passato dal Movimento 5 Stelle, lasciare l’auto in sosta può costare veramente molto caro. Addirittura 2,20 euro all’ora. Nulla è

cambiato, tanto è vero che altri cittadini segnalano l’anomalia.
«Dovendomi recare, per ritirare un documento, negli uffici della Provincia, ho parcheggiato in uno dei posti di fronte a Villa Saporiti, proprio di fianco a quella che una volta era la caserma dei carabinieri. Prima di me una coppia stava versando l’obolo per ottenere lo scontrino. Li ho visti decisamente perplessi. Mi hanno chiesto, arrivando da fuori Como, se in città ovunque i parcheggi fossero così costosi», dice il lettore.
Il parchimetro in effetti parla chiaro: 2,20 euro l’ora, importo minimo 25 centesimi, sosta massima 12 ore. Semplice fare i conti. Un salasso di oltre 26 euro se si decidesse di lasciare l’auto per 12 ore. «Visto che tutti noi comaschi ci rechiamo in Provincia solo e unicamente per effettuare pagamenti, è mai possibile che, oltretutto, si debba sottostare a un prelievo simile?», si legge nella missiva. Che si completa con un esempio.
«Mi pare anche un’assoluta disattenzione verso i turisti. A Desenzano del Garda, tanto per citare un caso, nella zona più ambita e bella della città esistono centinaia di posti totalmente gratuiti», si conclude la mail.
Oltre al danno, a pochi metri, è in agguato la più classica delle beffe. Venti metri dopo – e non uno di più – sulla destra, si apre un cancello che all’apparenza potrebbe sembrare un classico accesso a un cortile interno di un palazzo. Ma non è così. È il passaggio che conduce in una piazzetta dove, solitari e sfruttati soltanto dai pochi fortunati che li conoscono, esistono altri 15 posti blu. E la tariffa è ben diversa: 50 centesimi per la prima ora e un euro per le successive.
Anche in questo caso si può sostare per un massimo di 12 ore. Anomalie della sosta cittadina che, entro breve, potrebbe forse cambiare. La rivoluzione del sistema tariffario della sosta di Como inizia, infatti, lentamente a prendere forma. Nelle ultime ore stanno cominciando infatti a delinearsi le nuove tariffe cittadine.

Nella foto:
Il parchimetro di via Borgovico dove si paga il posteggio più caro della città

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.