I pendolari degli allenamenti: trasferta forzata a Chiasso
Canton Ticino, Città, Sport, Territorio

I pendolari degli allenamenti: trasferta forzata a Chiasso

Allenamento degli atleti comaschi a Chiasso Allenamento degli atleti comaschi a Chiasso

I pendolari degli allenamenti. La nuova frontiera della fuga – obbligata – oltreconfine è quella delle società sportive di Como, costrette a fare i conti con la chiusura prolungata del Campo Coni.
Per decine di atleti, orfani della pista di atletica di via Muggiò, l’unica possibilità per potersi allenare in una struttura idonea è quella di varcare il confine e raggiungere il campo di Chiasso.
Un via vai che costringe le società e le stesse famiglie a uno sforzo organizzativo notevole a livello di spostamenti.
L’odissea dei circa cinquecento atleti delle dieci società sportive che gravitano sul Campo Coni è iniziata nel settembre scorso, quando, a fine estate, già in ritardo di quasi tre mesi sulla tabella di marcia, la struttura sportiva è stata chiusa e consegnata alla società che ha vinto l’appalto per la ristrutturazione dell’impianto. Un cantiere da 400mila euro con lavori che, sulla carta, sarebbero dovuti durare poco più di tre mesi.
L’avvio dei lavori veri e propri è slittato fino a settembre inoltrato. A novembre la beffa: il cantiere viene sospeso perché gli interventi previsti, in particolare la posa del nuovo anello della pista di atletica, non possono essere effettuati nella stagione fredda.
Il Campo Coni viene parzialmente riaperto, ma di fatto con la sola disponibilità degli spogliatoi e non degli spazi per gli allenamenti. Ad oggi, non è ancora stata indicata la data della ripresa delle opere. L’area di cantiere è desolata e vuota e nulla fa pensare a un’imminente ripresa delle attività.
Impossibile per decine di atleti allenarsi sulla pista di atletica. A settembre, dopo la chiusura del Campo Coni, l’amministrazione comunale si era impegnata a collaborare per trovare soluzioni alternative, senza poi arrivare a risultati concreti. Le società sportive si sono viste costrette a organizzarsi per permettere ai loro atleti di proseguire con gli allenamenti.
La via obbligata è stata quella della vicina Svizzera e dell’utilizzo della pista di Chiasso.
Una soluzione tutt’altro che semplice, ulteriormente complicata dall’età degli atleti delle società coinvolte, in gran parte ragazzini che necessitano di permessi ad hoc per varcare la frontiera senza i genitori.
Un sovraccarico di impegno per i responsabili dei gruppi sportivi e gli allenatori, i nuovi pendolari degli allenamenti. A tempo indeterminato.
Anna Campaniello

7 Aprile 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto