Lettere

I tagli all’ospedale di Gravedona mettono a rischio la qualità dei servizi

Ho di recente appreso dai media locali che il reparto di reumatologia dell’ospedale di Gravedona ha subito un pesante taglio sia in termini di posti letto sia di personale medico.
Io sono un ragazzo di 32 anni a cui da qualche anno è stata diagnosticata la Spondiloartrite anchilosante che, come tutte le malattie di natura reumatica degenerativa, comporta un notevole impegno di tempo per controlli e analisi cliniche periodiche e un monitoraggio costante con visite ambulatoriali regolari.
Purtroppo, constato ogni giorno di persona, le malattie di carattere reumatico sono spesso invalidanti influendo non poco sulla qualità della vita degli ammalati e rendendo difficoltose anche le più semplici attività quotidiane.
Da qualche anno pertanto l’équipe medica del dottor Mastaglio, responsabile del reparto di reumatologia dell’ospedale “Moriggia-Pelascini”, è diventata per me e per molti altri affetti da malattie di questo genere, residenti in zona e non solo, un punto di riferimento costante e puntuale per il monitoraggio continuativo dell’avanzamento della patologia, offrendo oltretutto un’assistenza di prim’ordine fatta sia di competenze mediche e infermieristiche eccellenti sia di un rapporto medico/paziente di un’umanità sempre più rara da trovare nella società dei giorni nostri.
Alla luce di quanto scritto non posso che esprimere la mia preoccupazione per il futuro dell’assistenza che attualmente viene offerta a me e a tutti i pazienti che sono nella mia condizione; auspico pertanto che la direzione dell’ospedale “Moriggia-Pelascini” riveda i tagli apportati al reparto di reumatologia e al suo staff così da mantenere l’ottima qualità di assistenza medica a oggi offerta.
Spero oltretutto che le istituzioni nazionali e soprattutto locali prendano una posizione decisa in merito, in modo da salvaguardare un importante servizio sanitario presente e soprattutto efficiente in un territorio già di per sé disagiato a livelli di servizi statali.

Riccardo Tarelli

30 giugno 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto