Idroscalo, al via la progettazione per degli interventi sulla sicurezza

L'idroscalo di Como
L'idroscalo di Como
L’idroscalo di Como

Idroscalo di Como, si cambia. A breve infatti dovranno essere realizzate delle opere di manutenzione straordinaria con particolare attenzione all’aspetto della sicurezza.  L’Enac, organo regolatore dell’aviazione civile, ha infatti chiamato a un tavolo tecnico il Comune e l’Aeroclub per verificare le modalità di funzionamento dell’idroscalo di Como. Si tratta di un aeroporto a tutti gli effetti, gestito dall’Enac tramite l’Aeroclub. E nell’ambito di questo confronto – ieri la prima riunione – è stato definito un impegno per la manutenzione straordinaria dell’area antistante l’hangar che costituisce uno spazio di manovra per gli idrovolanti. Il Comune ha interesse che venga mantenuto e valorizzato l’idroscalo, e a questo proposito sta avviando le verifiche degli impianti di illuminazione allo stadio Sinigaglia che dovranno essere rivisti per eliminare le interferenze, mentre l’Aeroclub si occuperà dei lavori all’hangar, dopo l’autorizzazioni degli enti competenti. «Noi come ente gestore dell’idroscalo siamo innanzitutto contenti di esserci seduti a un tavolo con Comune e Enac per confrontarci su una situazione che doveva essere sistemata – spiega il presidente dell’Aero Club Como, Giorgio Porta – Si interverrà sugli aspetti legati alla sicurezza del piazzale e relativamente alle operazioni di movimentazione degli aeroplani. Sarà predisposta poi un’apposita segnaletica per i veicoli e i pedoni». Attualmente si è ancora nella fase progettuale e quindi ci vorrà del tempo prima di partire con i lavori che dovrebbero comportare una spesa di 300mila euro. «Non credo che durante le operazioni di manutenzione l’idroscalo venga chiuso. Si tratta di una struttura di prestigio per tutto il territorio comasco ed è l’unico idroscalo aperto al traffico commerciale in Italia. Il Comune si occuperà delle verifiche degli impianti di illuminazione allo stadio Sinigaglia che dovranno essere rivisti per eliminare le interferenze con l’idroscalo», dichiara l’assessore ai Lavori pubblici Vincenzo Bella.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.