Cronaca

Il 730 soltanto in rete. Incubo caos

Gloria Paolini Segretario generale aggiunto della Cisl caf
I patronati temono una situazione ingovernabile nei prossimi giorni

(a.cam.) La compilazione della dichiarazione dei redditi rischia di trasformarsi in un percorso a ostacoli per i pensionati e i lavoratori in cassa integrazione straordinaria.
Il Cud non verrà più recapitato a domicilio tramite la posta tradizionale, ma sarà disponibile soltanto per via telematica.
«È l’ennesimo disagio che va a colpire le

categorie più deboli», denuncia Gloria Paolini, segretario generale aggiunto della Cisl di Como. La novità rischia di trasformarsi in un superlavoro per i patronati e già nei giorni scorsi gli utenti hanno cominciato a rivolgersi agli sportelli per avere chiarimenti.
«Il numero di persone è destinato ad aumentare in modo massiccio – dice ancora Paolini – Per il momento le richieste sono ancora contenute perché molti pensionati non sono a conoscenza della novità e sono convinti che riceveranno il Cud a domicilio».
Non sarà così. «L’Inps, come anche l’Inail, non invierà il Cud in formato cartaceo al domicilio degli utenti – sottolinea il segretario generale aggiunto della Cisl di Como – I pensionati, così come i lavoratori in cassa integrazione straordinaria, saranno direttamente toccati da questa novità perché dovranno utilizzare Internet e la posta elettronica per avere la documentazione che li riguarda. Il sistema – aggiunge Gloria Paolini – penalizza inevitabilmente le persone più anziane e chi non ha dimestichezza con le nuove tecnologie. Ricordiamo che tra i pensionati ci sono persone non autosufficienti o sole che avranno bisogno di assistenza per il Cud. A livello di patronato ci siamo già attrezzati perché il servizio deve essere dato, ma sarà l’ennesimo problema del quale dovremo farci carico. Ci aspettiamo lunghe code, lamentele e arrabbiature. Gli utenti potranno presentarsi ai nostri uffici per consegnarci i documenti necessari e il mandato per chiedere il Cud al posto loro e li inviteremo poi a tornare dopo qualche giorno per ritirare il tutto».
Sul sito Internet dell’Inps sono spiegate nel dettaglio le possibili modalità per ottenere il Cud sia in formato digitale che cartaceo. Chiunque desideri comunque la spedizione a casa, può telefonare al numero 803.164 gratuito da rete fissa e al numero 06.164.164 a pagamento da cellulare. L’Inps ha attivato inoltre il nuovo numero verde dedicato  800.434.320, raggiungibile solo da rete fissa, attraverso il quale si può richiedere l’invio a domicilio del proprio certificato reddituale. La richiesta può essere fatta anche da un familiare. Il Cud verrà inviato al domicilio, noto all’Inps, dell’interessato.

16 marzo 2013

Info Autore

paola


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto