Il circuito mondiale di tennis in carrozzina approda a Cantù

Diego Amadori Diego Amadori

Lo Junior Next Gen Italia giovanile, il Challenger Atp di fine agosto e, gradita novità, il 1° Torneo Internazionale Città di Cantù di tennis in carrozzina. Una manifestazione di alto livello organizzata nella città del mobile dal locale circolo con la collaborazione di Osha Asp e il patrocinio del Comune e della Federazione. Un evento che va a inserirsi in un quadro generale di crescita delle manifestazioni tennistiche sul Lario. Saranno 80 gli atleti che si sfideranno sui campi brianzoli da domani, sabato 28, aprile, fino al 1° maggio.

In lizza anche due comaschi, tesserati proprio per Osha-Asp, Diego Amadori e Mauro Curioni. In gara uomini, donne e gli atleti della specialità Quad. La competizione è stata inserita dalla Federazione Internazionale nel circuito mondiale. Tra gli iscritti, tennisti che figurano fra i primi 100 nei ranking iridati delle rispettive categorie.

Ieri la presentazione ufficiale della kermesse al Circolo Tennis Cantù, lo stesso che pochi mesi fa ospitò in una affollata giornata Nick Bollettieri, il più famoso allenatore del mondo. Tra gli ospiti dell’incontro anche Carlo Recalcati, coach di basket e cittadino onorario di Cantù, che fatto da testimonial al primo atto ufficiale di quello che sarà un grande evento per la sua città.

«Abbiamo tanti motivi per essere orgogliosi – ha detto Nicola Trincavelli, presidente del Circolo – per quello che sarà un torneo di grande rilevanza. Arriveranno a Cantù alcuni fra i migliori atleti del mondo; da parte nostra abbiamo messo il massimo impegno per soddisfare le più alte aspettative che una gara di questo tenore merita».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.