Il comasco Filippo Mondelli sul calendario 2020 delle Fiamme Gialle

Foto di gruppo Fiamme Gialle

Il comasco Filippo Mondelli sul calendario 2020 delle Fiamme Gialle, il gruppo sportivo della Finanza. L’annuncio a Roma, in occasione delle premiazioni di fine anno della società.
Assieme a Mondelli, canottiere di livello mondiale, ci saranno i colleghi di barca Giacomo Gentili, Luca Rambaldi e Andrea Panizza oltre a personaggi noti come il velocista Filippo Tortu, la surfista Marta Maggetti, il saltatore Gianmarco Tamberi e il quattrocentista Davide Re. Ieri nel salone d’onore del Coni la tradizionale cerimonia. Durante l’evento sono stati premiati gli atleti delle sezioni giovanili, è stata illustrata la prossima stagione agonistica – che culminerà con le Olimpiadi di Tokyo – e sono assegnati il trofeo “Atleta dell’anno Fiamme Gialle” a Dorothea Wierer e i riconoscimenti “Compagni di viaggio”, “Studio e sport” e “Genitore dell’anno”.
In prima fila, come detto, anche Mondelli, cresciuto nella Canottieri Moltrasio, ora in forza alle Fiamme Gialle, che con i suoi compagni di barca ha conquistato il pass per i Giochi del prossimo anno. A lui e agli altri atleti sono arrivate le parole del generale di brigata Flavio Aniello, da cinque mesi nuovo comandante del Centro sportivo. «Intendo, innanzitutto, rendere omaggio agli sforzi, all’abnegazione, al sacrificio e alla passione messe in campo da tutti i nostri militari-atleti – ha detto Aniello – Penso anche all’impegno e alla passione di tutte le altre persone che lavorano con funzioni di supporto per favorire le numerose affermazioni nazionali e internazionali: una organizzazione sempre efficiente ed indubbiamente efficace per i risultati ottenuti».
Ha chiuso la serie degli interventi il presidente del Coni Giovanni Malagò: «Gli amici delle Fiamme Gialle sono un’eccellenza, hanno un palmares impressionante – ha spiegato – Cerco di essere sempre presente alle loro premiazioni anche per il loro coinvolgimento e le iniziative sociali e sul territorio».
«Sono contento di vedere in sala, tante medaglie olimpiche – ha aggiunto Malagò – È stato, questo che volge al termine, un anno complicato ma anche pieno di grandi soddisfazioni: tutte le sfide che abbiamo affrontato ci hanno fatto capire che siamo una grande famiglia e che tale dobbiamo rimanere».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.