Il Comune cambia tutti i lampioni. Torna la luce nel parco della stazione

alt

Lavori pubblici
Intervento da 75mila euro nell’area verde che porta a San Giovanni

Torna la luce in una delle zona verdi meno sicure di tutta Como. Il Comune, infatti, ha appena deciso di cambiare completamente il sistema di illuminazione del parco che conduce, attraverso la grande scalinata centrale, alla stazione San Giovanni.
In viale Tokamachi, infatti, così come nella vasta area verde adiacente, l’attuale impianto venne realizzato negli anni ’60 e ora presenta problematiche sia di tipo elettrico e meccanico, sia di tipo illuminotecnico risolvibili solo con il rifacimento

integrale.
Inoltre, in tutto, al momento, sono soltanto 17 i punti luce, decisamente insufficienti per illuminare l’intera area. Come se non bastasse, dai rilievi compiuti dai tecnici di Palazzo Cernezzi, è emerso che la linea interrata di alimentazione non risponde alle normative, esattamente come i sostegni, arrugginiti e a rischio inclinazioni. «Inaccettabili – scrivono i tecnici – le condizioni elettriche soprattutto in termini di isolamento».
I tempi del radicale rifacimento dell’impianto (con una spesa di 75mila euro) non sono ancora stati resi noti dall’amministrazione, ma di sicuro in tempi medio-brevi l’area – teatro anche di recente di numerosi episodi di cronaca – tornerà ad essere meglio illuminata e quindi più sicura.
Sono cinquanta, invece, i lampioni di viale Varese che – come spiegano i tecnici comunali – risultano obsoleti e di basso rendimento. Anche in questo caso, quindi, il Comune ha reputato necessario intervenire rapidamente con lavori di adeguamento e ammodernamento. Per questi motivi, quindi, Palazzo Cernezzi, investirà 120mila euro sulla zona. «I pagamenti – si legge nei documenti – verranno effettuati compatibilmente con il patto di stabilità».

Nella foto:
Il nuovo sistema di illuminazione riporterà la luce in tutto il parco e lungo viale Tokamachi, che porta direttamente a San Giovanni

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.