Il Comune di Como parte civile contro i writers

alt Dopo l’imbrattamento del colonnato del Broletto

Il Comune di Como si costituirà parte civile nei confronti dei ragazzi che hanno imbrattato il colonnato del Broletto con una bomboletta spray. I giovani, tre minorenni e due maggiorenni, sono stati fermati dagli agenti della Polizia Locale, avvisati da un passante. «Si è trattato di un atto di vandalismo – ha commentato ieri il sindaco Mario Lucini – Il Broletto è il monumento simbolo della nostra città e il gesto non merita alcuna tolleranza e comprensione. Un plauso al cittadino che ha prontamente

segnalato il fatto consentendo un immediato intervento».
Intanto ieri mattina, nella sede del comando della polizia locale, si è svolta una cerimonia per la consegna di encomi solenni e lettere di menzione di merito proprio agli agenti che hanno provveduto a fermare i writers. Gli agenti sono stati premiati dal sindaco.
La lettera di menzione di merito è stata consegnata al commissario Lucia Costantini e agli agenti Luigi Iula e Alberto Risi. Altri encomi solenni, nella forma della cosiddetta “parola di lode”, sono andati al commissario Marialuce Benedetti e agli agenti Vincenzo Arcuri, Giuseppe Marotti e Manuela Sgueglia per il fermo di due borseggiatori al mercato, agli agenti Walter Persichini e Luca Cunio per il fermo di una persona che aveva rubato in un supermercato, e agli agenti Sergio D’Angelo Sergio e Alessio Ferrario per aver evacuato una palazzina in via Anzani dopo aver visto la canna fumaria in fiamme.

Nella foto:
Un momento della cerimonia di ieri mattina al comando della polizia locale

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.