Il dirigente: «Non è facile stare tranquilli»