Lettere

Il discutibile otto in condotta per gli studenti “apatici”

I PARADOSSI DEL MONDO DELLA SCUOLA 
In una scuola bergamasca la tranquillità e la serenità degli studenti (in realtà, studentesse in stragrande maggioranza) sono state interpretate come “apatia” e mancanza di collaborazione e di impegno e sanzionate con l’otto in condotta. Questo fatto suscita diverse considerazioni. Innanzitutto, se nel progetto didattico era contemplata la “non-apatia” degli studenti (ancora, studentesse!), allora la sua mancanza ben giustificava un abbassamento del voto in condotta. Ma… ai miei tempi il dieci in condotta era riservato agli alunni rispettosi, disciplinati e tranquilli, e se qualcuno non si impegnava – apaticamente – in qualche disciplina era sanzionato con il voto di merito. La condotta non ne era inficiata.
Nel mio piccolo, al Liceo ero disciplinatissimo e rispettosissimo, ma ero tutt’altro che “apatico”. Interrompevo spesso il professore di filosofia dicendo che secondo me Aristotele non aveva ragione nelle sue argomentazioni, e neppure Kant aveva ragione e nessun altro filosofo.
Interrompevo spesso il professore di lettere dicendo che nessun poeta mi piaceva, perché andavano a capo troppo presto, prima di essere arrivati in fondo alla riga; e nessun prosatore mi piaceva, perché andavano a capo solo dopo essere arrivati – pedagogicamente – in fondo alla riga. Interrompevo anche il professore di matematica domandando come si comportavano i triangoli rettangoli prima della promulgazione del Teorema di Pitagora… che essendo così impositivo ben avrebbe potuto giustificare qualche resistenza. “Un triangolo rettangolo è un fuorilegge della geometria perché non rispetta il noto teorema oppure non rispetta questo teorema perché è un fuorilegge della geometria?”. Interrompevo anche il don di religione sulla questione del libero arbitrio, che volevo essere libero di accettare o di respingere, grazie appunto all’esercizio del libero arbitrio.
Comunque, avevo buoni voti in queste materie, perché davo sempre le risposte che i docenti volevano sentirmi dare, ma ricevevo un sonoro otto in condotta.
Ora mi domando: quale valenza pedagogica bisogna attribuire agli otto assegnati alle studentesse bergamasche per “scarsa combattività didattica”, e al pari voto assegnato a me per “eccessiva combattività”? Era pedagogicamente “giusto” sanzionare con un basso voto di condotta il mio non-apatico impegno di assimilazione e riflessione filosofica-letteraria-matematico-religiosa, forse dovuto a mie particolarissime capacità, e premiare la ripetizione pedissequa, da parte dei miei compagni, delle nozioni (se si possono chiamare così) che i professori riversavano sulle loro apatiche teste? È “giusto” sanzionare con un pari voto lo scarso impegno delle “apatiche” studentesse bergamasche? Quali voti ricevono, nelle singole discipline, le ragazze? Anche i due isolati maschietti presenti in quella classe di 24 mostrano questa riottosità didattica, oppure per antagonismo anti-femminista si comportano in modi più “casinisti” – come si suol dire – e magari ricevono anche loro l’otto in condotta?
Nel ricercare una risposta a queste domande, non dimentichiamo che quando la squadra non si impegna nel cimento, è anche colpa dell’allenatore.
Maurizio Pagliari

19 Mag 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto