Il Forum delle Famiglie si appella ai futuri sindaci: «Aderite al nostro manifesto»

alt Iniziativa in vista delle elezioni amministrative
(a.cam.) La famiglia come “soggetto”, anche nel calcolo delle imposte, un’integrazione al reddito alle mamme che rinviano il rientro al lavoro dopo la maternità, il recupero di spazi a misura di bambino e per favorire la socializzazione.
Il Forum Comasco delle Associazioni Familiari invita i candidati sindaco alle imminenti elezioni amministrative ad aderire al “Manifesto per una politica familiare”, un documento che impegna i futuri primi cittadini a mettere a punto progetti e interventi

concreti per sostenere le famiglie. «Per il territorio lariano è una tornata elettorale importante perché sono circa 290mila i cittadini chiamati a rinnovare le amministrazioni locali – dice il presidente del Forum Comasco, Giovanni Giambattista – Abbiamo contattato direttamente circa il 70% dei candidati sindaco, mentre ai restanti abbiamo fatto avere il nostro manifesto, chiedendo di sottoscriverlo».
Ai futuri sindaci, il Forum – che raggruppa 30 enti e associazioni – chiede l’istituzione di un assessorato alla Famiglia. «Le politiche familiari – dice Giambattista – sono interventi diversi rispetto alle politiche sociali. In qualche modo vengono prima perché sono una forma di prevenzione del disagio sociale».
«Investire sulla famiglia – si legge sul manifesto – vuol dire comprenderne il ruolo e l’importanza, significa creare valori e prospettive per il futuro, assicurandone l’esistenza attraverso la solidarietà tra generazioni. Sollecitiamo i Comuni a realizzare interventi a favore di tutte le famiglie, favorendo le relazioni interpersonali, privilegiando lo stile partecipativo e offrendo opportunità di aggregazione e socializzazione».

Nella foto:
Tra gli inviti formulati ai candidati, spicca quello per l’istituzione di un assessorato alla Famiglia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.