Il grido di guerra di Joe Ragland: “Milano, vogliamo il primo posto”

2014 03 18 basket cantu smallLa grinta dell’americano dopo il bel successo interno con Brindisi
«Siamo al secondo posto ed è sicuramente un buonissimo risultato ma noi, sia ben chiaro, giochiamo per arrivare primi». Il messaggio lanciato da Joe Ragland, all’indomani della netta vittoria della Vitasnella contro Brindisi per 84-69, è forte e chiaro ma soprattutto è indirizzato alla capolista Milano. «Domenica il nostro obiettivo era quello di vincere contro una diretta concorrente come Brindisi.

Non aveva importanza come e in che modo, contavano solo i due punti e sono arrivati. Sapevamo che per ottenerli dovevamo essere intensi per tutti i 40’. Un successo che ritengo fondamentale soprattutto perché, ripeto, ci permette di rimanere in scia a una formazione come Milano, che non perde un colpo. Ma siamo a due soli successi di differenza».
Il folletto americano è sempre più leader del quintetto canturino ma anche uno dei protagonisti assoluti del campionato come confermano le statistiche: secondo nella speciale classifica dei migliori tiratori da tre punti con il 48.3% di media, nono nei tiri liberi con l’84.5%, sesto tra i marcatori assoluti con quasi 22 punti di media gara e 12° nella valutazione complessiva, appena dietro al compagno Pietro Aradori. 

«Non abbiamo nessuna intenzione di accontentarci della posizione attuale – insiste Ragland – La stagione è ancora lunga prima dei playoff. Per noi i due prossimi incontri, a Caserta domenica e con Varese in casa il turno successivo, saranno molto importanti. Perché il nostro obiettivo è quello di arrivare “gasati” allo scontro diretto con Milano in programma il 6 aprile al Forum. Poi lì vedremo cosa succederà…».
La sfida è lanciata ed è sottoscritta anche da un altro protagonista dell’ultimo successo biancoblù, Abass Awudu, che ha brindato alla sua convocazione nella Nazionale italiana maggiore con 7 punti in 13 minuti di sostanza. «Siamo felici di questa vittoria, perché era molto importante per la classifica visto che abbiamo anche ribaltato la differenza canestri – afferma – Ora dobbiamo continuare con questa intensità per mantenerci nelle prime posizioni in un campionato equilibrato».
L’Acqua Vitasnella resta così imbattuta tra le mura domestiche proprio come la capolista Milano: alla Mapooro Arena proprio non si passa, tanto che Abass e compagni hanno collezionato 12 vittorie in altrettante gare. Per fare l’en plein nella stagione regolare, mancano solo tre sfide casalinghe: con Varese il 29 marzo, Venezia il 19 aprile e l’ultima l’11 maggio con la Granarolo Bologna.
«Fare 12 su 12 in casa non è da tutti e per noi è proprio una grande cosa – aggiunge Abass – Un risultato importante che conferma come il fattore Pianella per noi sia determinante perché avere il pubblico così vicino ci aiuta davvero tanto. Speriamo di continuare così». Già perché il giovanotto di Camerlata non vuole più rilassarsi. «Mai, bisogna lavorare tanto con continuità e io lo sto facendo anche quando sono stanco perché solo così posso guadagnarmi minuti preziosi in campo». L’ultimo pensiero di Abass è per il suo allenatore Stefano Sacripanti, la persona che più di tutti ha creduto in lui. «Non smetterò mai di ringraziare coach Pino, che ha avuto fiducia in me sia in Nazionale che qui a Cantù. Perchè credere in un ragazzo come me senza esperienza in A, diciamolo, non è da tutti».

La situazione

I risultati dell’ottava di ritorno
Sassari-Venezia 100-95, Pistoia-Siena 77-76,
Milano-Roma 85-61, Pesaro-Varese 79-86,
Bologna-Reggio Emilia 70-71,
Cremona-Avellino 83-75,
Caserta-Montegranaro 75-68,
Cantù-Brindisi 84-69

La classifica
Milano 36 punti, Cantù e Brindisi 32 punti,
Siena e Sassari 30, Roma 28, Reggio Emilia e Caserta 22, Avellino, Venezia e Pistoia 20,
Varese 18, Cremona e Bologna 16,
Montegranaro 14, Pesaro 12

Le gare della Vitasnella
Pasta Reggia Caserta-Vitasnella (23 marzo)
Vitasnella-Cimberio Varese (30 marzo)
Armani Milano-Vitasnella (6 aprile)

Andrea Piccinelli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.