Cronaca

Il Lario esporta merci per 5,3 miliardi. Germania, Francia e Svizzera i mercati top

altIl dato 2012 è tornato ai livelli pre-crisi. Meno affari con Russia e India

C’è un settore dell’economia lariana che va oltre la crisi: le esportazioni.
Secondo i dati Istat, elaborati dall’ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Como, infatti, nel 2012 le esportazioni della provincia di Como hanno sfiorato i 5,3 miliardi di euro, pari al 4,8% del totale regionale.
Rispetto al 2011 la crescita è tutto sommato modesta (+1,4%) e il numero è inferiore al dato medio

regionale e nazionale (+3,7%) ma, a quattro anni dall’inizio della recessione, su questo fronte Como ha finalmente recuperato i livelli pre-crisi: +1,3% rispetto al 2008.
Le importazioni, invece, registrano flussi per oltre 2,8 miliardi di euro, pari al 2,6% del totale “import” della Lombardia.
Il dato risulta in flessione del -5%, migliorando in tal modo il saldo commerciale che chiude a quasi 2,4 miliardi di euro, in crescita rispetto al 2011 di oltre 220 milioni.
Tra i principali mercati di destinazione dei prodotti comaschi si posizionano ai primi posti la Germania (con 733 milioni di euro), la Francia (con 604 milioni di euro) e la Svizzera (con 498 milioni di euro). Quest’ultima destinazione resta molto importante per le imprese comasche in tempo di crisi, sia per la vicinanza, sia per la tenuta del Paese: la variazione 2012-2008 è pari a +44%.
Altre variazioni molto positive, rispetto all’inizio della recessione, si registrano verso il Regno Unito (+13,4%), la Cina (+51,3%), i Paesi Bassi (+13,6%), gli Emirati (+29,5%), l’Ungheria (+65,1%), il Canada (+37,3%) e il Brasile (+29,45), mentre risultano in contrazione la Spagna (-2,4%), la Russia (-9,7%), la Polonia (-8,5%), l’Austria (-11,0%), il Portogallo (-4,7%), l’Arabia (-6,3%), la Grecia (-52,0%) e l’India (-11,5%).
Anche per quanto riguarda le importazioni, il primo Paese è la Germania (con 596 milioni di euro). Seguono la Cina (con 486 milioni di euro) e la Francia (con 229 milioni di euro).
L’analisi dei maggiori comparti merceologici evidenza un’evoluzione abbastanza variegata; rispetto al periodo pre-crisi, alcuni settori risultano in netta crescita (in primis la chimica) ma altri sono in forte difficoltà (tra cui le apparecchiature elettriche).
Al primo posto si posizionano i tessuti che, con 932 milioni di euro, rappresentano il 17,9% del totale export provinciale, in crescita del +3,1% rispetto al 2011; al secondo posto si posizionano i macchinari industriali, con flussi export per un valore corrispondente a 692 milioni di euro (13,3% del totale delle esportazioni provinciali), in crescita del +9,8% rispetto al 2011.
Al terzo posto segue la chimica, con 594 milioni di euro, in crescita sia nel breve che nel medio periodo, rispettivamente del +5,1% e +72,3%.
Tra gli altri settori, quelli che ancora non hanno recuperato i livelli pre-crisi sono: il mobile (-12,6%), i prodotti in metallo (-15,4%), la gomma plastica (-14,9%), le apparecchiature elettriche (-35,5%) e il legno (-14,8%). Al contrario, tassi di crescita sostenuti si registrano nel comparto dell’abbigliamento (+12,3%), della metallurgia (+15,4%), dei prodotti alimentari (+33,6%), dei mezzi di trasporto (+129,9%) e infine dell’elettronica (+44,3%).

Nella foto:
Nonostante la crisi, la seta comasca è ancora un punto di forza per le esportazioni
26 marzo 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto