«Il negozio non è un lusso ma uno strumento»

Il presidente dei commercianti
«Non siamo spaventati. Siamo spaventatissimi – dice Giansilvio Primavesi, presidente della Confcommercio di Como – Abbiamo appena inviato una lettera a tutti i 160 sindaci della Provincia di Como proprio sull’argomento Imu. Facciamo innanzitutto presente che il momento è critico per tutte le attività economiche, le quali si trovano a fronteggiare continui aumenti, dalla benzina all’Iva. Adesso arrivano tre pesanti scoppole: Irpef, tassa di soggiorno e Imu. Per quanto riguarda l’Imu, siamo contrari al fatto che un negozio venga considerato al pari di una seconda o terza casa. Non è un lusso, ma uno strumento di lavoro. Come l’automobile per il rappresentante. Al di fuori delle bancarelle, ogni attività commerciale ha bisogno di una sede, di quattro mura. Per questo motivo, nella nostra lettera agli amministratori locali chiediamo molto educatamente di considerare quanto sia fondamentale, per noi, la sede della nostra attività, e pertanto di fare il possibile per non superare l’aliquota della prima casa. Oggi invece – continua Giansilvio Primavesi – viene agevolata la prima casa e si “bastona” tutto il resto. Perciò abbiamo voluto richiamare l’attenzione di tutti i sindaci del territorio. Le quattro mura in cui lavoriamo, ripeto, non sono un “bene di lusso”, ma uno strumento di lavoro».

Nella foto:
Giansilvio Primavesi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.