Cronaca

Il no al bollino più caro “costerebbe” 300 milioni

altAumento a 100 franchi, risultato incerto

In Svizzera si chiama “vignetta”, in Italia “bollino”. Differenze lessicali tutto sommato marginali per identificare il pedaggio autostradale che gli automobilisti devono pagare ogni anno per utilizzare le autostrade della Confederazione Elvetica.
La vignetta, che oggi costa 40 franchi, dovrebbe aumentare dal 2016 fino a 100 franchi. Lo ha deciso il Parlamento di Berna, con un voto a

maggioranza nei due rami: 102 contro 87 alla Camera e 37 contro 4 (e un’astensione) al Senato. Una decisione che non è piaciuta a decine di migliaia di persone e ai partiti del centrodestra. Inevitabili il referendum e il voto popolare, che domani potrebbe azzerare tutto e mantenere la vignetta ai prezzi attuali. Il risultato non è scontato.
Se in Italia un referendum che cancella una tassa avrebbe un consenso praticamente unanime, in Svizzera le cose vanno diversamente. Non per un masochismo fiscale che i rossocrociati non hanno, quanto piuttosto per le conseguenze del voto.
L’aumento del bollino è infatti legato a un decreto federale che prevede il trasferimento di 376 km di strade cantonali alla rete nazionale. La Confederazione si prenderebbe inoltre in carico la costruzione di alcune strade regionali «di rilevanza nazionale». Strade progettate dai Cantoni ma finanziate interamente con i proventi degli aumenti tariffari.
Si parla di circa 300 milioni di franchi all’anno, che ovviamente non potrebbero essere spesi se il popolo decidesse di approvare l’iniziativa referendaria.
Gli ultimi sondaggi, pubblicati ancora ieri sui siti e sui giornali elvetici, disegnavano uno scenario incerto. Per essere cancellato, il no all’aumento della vignetta deve essere approvato dal 50% più uno dei votanti e da almeno la metà più uno dei Cantoni.

Nella foto:
Il bollino autostradale svizzero potrebbe aumentare fino a 100 franchi
23 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto