Il parrucchiere di Mourinho: «Un cliente molto riservato»

Jose Mourinho Inter

Nei due anni all’Inter, l’allenatore destinato al Real Madrid ha affidato la cura dei capelli e dell’immagine personale ai professionisti del salone “Aldo Coppola”. Per due anni, i parrucchieri di Mourinho hanno mantenuto il massimo riserbo. Solo ora che il tecnico ha confermato la fine del rapporto con l’Inter, i titolari del salone lasciano trapelare qualche informazione. “Mou” è approdato
nel salone di via Caio Plinio senza alcun preavviso. «È accaduto circa due anni fa, poco dopo il suo arrivo in Italia – ricorda il titolare del negozio, Francesco Basso – Nel tardo pomeriggio, pochi minuti prima della chiusura si è presentato all’ingresso, si è guardato attorno un attimo e poi è andato via. Non ha detto il suo nome e la nostra addetta alla reception di allora non l’aveva riconosciuto».
Nel tempo, Mourinho non ha perso l’abitudine di giungere all’improvviso «Arrivava a sorpresa – conferma Basso – più o meno una volta ogni 5-6 settimane. Entrava in studio all’orario di chiusura e restava per il tempo necessario ad effettuare lo shampoo, con annesso massaggio della testa, e quindi il taglio dei capelli. Prima di andare acquistava poi direttamente qui nel salone prodotti da utilizzare».
E ai professionisti del negozio “Aldo Coppola” si sono affidati anche la moglie e il figlio del tecnico portoghese. «È vero – conferma Francesco Basso – Pure loro sono stati nostri clienti, anche se venivano in momenti diversi, mai tutti assieme».
Impossibile strappare ulteriori notizie. «A Mourinho non abbiamo mai fatto domande – conclude il titolare – Non gli abbiamo mai chiesto nulla dell’Inter né della sua vita personale. Non ha mai ricevuto richieste di autografi o di fotografie. L’allenatore a sua volta è sempre stato molto riservato. Si sedeva, si rilassava e si godeva quei momenti in pace. Credo abbia apprezzato il nostro riserbo».

Anna Campaniello

Nella foto:
José Mourinho in uno degli ultimi allenamenti ad Appiano con l’Inter (foto Mattia Vacca)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.