Il ponte pedonale sul Cosia riapre nel 2020. Chiuso da anni, è ormai pronto il bando per la sistemazione

passaggio pedonale in stato di abbandono in via Castelvuovo di fronte all'ex ospedale psichiatrico

Chi frequenta la zona non fa più caso a quel ponticello pedonale a ridosso del Setificio in via Castelnuovo, che un tempo collegava le due sponde del Cosia.
Ormai da anni infatti è sbarrato da transenne e reti arancioni, posizionate per evitare che qualcuno ci si possa avventurare sopra.
Da tempo il manufatto necessiterebbe di interventi per metterlo in sicurezza e renderlo nuovamente percorribile soprattutto dai tanti studenti che si muovono nell’area, vista anche la presenza dell’università dell’Insubria e dai tanti residenti del quartiere che lo usavano per guadagnare del tempo nell’attraversamento della strada sempre molto trafficata. Numerose le segnalazioni, nel corso del tempo, che hanno evidenziato oltre alla chiusura del ponte lo stato di abbandono della zona intorno.
In aggiunta anche la vegetazione spesso incolta presente nel letto del torrente Cosia rende questo punto della città sempre più degradato.
Una situazione che però, nonostante i ritardi accumulati nel passato, potrebbe essere prossima a una risoluzione definitiva.
Il problema è infatti sotto la lente di ingrandimento dell’assessorato ai Lavori pubblici guidato da Vincenzo Bella.
«Ci stiamo lavorando, c’è il progetto per rifarlo completamente ed è pronto per l’appalto. Stiamo solo aspettando un ultimo parere dalla Regione Lombardia prima della pubblicazione del bando», ha spiegato l’assessore Bella che ha poi fornito una tempistica sul futuro di questo cantiere. «La questione verrà affrontata e risolta nel corso del 2020», ha infatti promesso l’assessore Bella.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.