Il presidente degli ingegneri: «Como immobile. Le infrastrutture si devono adeguare al futuro»

Como, veduta aerea

Un appello e una sferzata al territorio, alla «Como immobile». Si è chiuso così all’auditorium del Don Guanella in via Tommaso Grossi a Como, l’appuntamento con l’assemblea ordinaria dell’Ordine degli Ingegneri seguita dal convegno “Ingegneria per il futuro dei trasporti: un’idea visionaria” con Arianna Minoretti, la professionista comasca che lavora sul ponte di Archimede in Norvegia.
È stato il presidente dell’Ordine, Mauro Volontè, durante un’intervista rilascia a Etv, a chiedere alla città e al territorio una visione diversa sul futuro in tema di infrastrutture.
«A Como viviamo in un’area strategica per quanto riguarda le infrastrutture – ha detto Volontè – Dobbiamo però essere proiettati maggiormente sul futuro. Invece sembra che nessuno abbia ancora capito dove si sta andando. Anche per questo abbiamo voluto portare in città la collega Arianna Minoretti con il suo esempio del ponte di Archimede in Norvegia, un sistema innovativo per il trasporto del futuro, che potrebbe essere applicato anche al nostro territorio e messo sotto il Lago di Como. Abbiamo voluto dare un messaggio alla città e agli amministratori, perché all’estero, ma anche in altre parti d’Italia, si sta puntando molto sull’innovazione infrastrutturale».
Volontè ha ricordato come il consiglio dell’Ordine degli Ingegneri sia da sempre disponibile ad affiancarsi all’amministrazione nella ricerca di soluzioni.
«Nel recente passato siamo intervenuti per segnalare correttivi per allentare la morsa del traffico durante le manifestazioni natalizie – ha aggiunto – si trattava di ragionare su come migliorare la viabilità di accesso a Como, per i residenti e per i turisti. Senza penalizzare chi è costretto a transitare dal capoluogo. I nostri consigli non sono stati presi in considerazione. Credo che anche dal convegno con Arianna Minoretti siano arrivati spunti molto utili per il Comasco, un territorio che non può più rimanere immobile».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.