Il presidente del Cc Canturino: «Valerio era un bravo atleta»

Squadra in lutto
Il dramma di Valerio, giovane promessa del Club Ciclistico Canturino, è rimbalzato fino in Francia, sulle strade del Tour de France, un appuntamento che l’atleta stava sicuramente seguendo con passione. Nel prossimo fine settimana, i suoi compagni di squadra non parteciperanno ad alcuna gara in segno di lutto.
Diciotto anni, studente di un istituto professionale, Valerio Zeffin andava in bici fin da quando era bambino. Categoria juniores, l’atleta era alla sua seconda stagione con
la maglia del Cc Canturino. «Lo scorso anno era andato benissimo, una grande stagione – ricorda commosso il presidente del club, Flavio Spinelli – Quest’anno si sarebbe sicuramente ripetuto. Era in forma, in questo momento si stava preparando per quello che sarebbe stato indubbiamente un bel finale di stagione. Era un bravo atleta, non riusciamo ancora a renderci conto di quanto sia accaduto».
Domenica prossima, nessuno degli atleti che porta la maglia del Cc Canturino sarà al via delle gare in programma. «Non ce la sentiamo, è impossibile in questo momento pensare alle gare – dice il presidente – Per quanto riguarda le giornate successive, non possiamo mollare. Dobbiamo andare avanti, anche per Valerio. Correremo con il lutto al braccio. Nel frattempo, cercheremo di trovare il modo migliore per ricordare questo nostro atleta».
Valerio viveva a Senago con i genitori e la sorella maggiore. «Sono momenti drammatici, impossibili da descrivere – conclude Flavio Spinelli – Faremo il possibile per stare vicini alla famiglia del ragazzo, persone splendide che stanno provando un dolore inimmaginabile. E dovremo aiutare anche i nostri atleti ad affrontare la situazione, soprattutto quelli che erano con Valerio al momento dell’incidente e che non potranno mai dimenticare quanto accaduto. È difficile per gli adulti, figuriamoci che cosa può voler dire per dei ragazzi che hanno perso un amico in questo modo».

Anna Campaniello

Nella foto:
L’ambulanza giunta sul luogo della tragedia: i soccorsi sono stati purtroppo vani

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.