Il primario del Sant’Anna: «Il virus è pronto a divampare di nuovo»

Emergenza Covid a Como. Ambulanze e volontari al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna.

«La situazione epidemiologica è ancora molto instabile e pertanto invito tutti alla massima cautela». Sono le parole di Luigi Pusterla, primario di Malattie infettive all’ospedale Sant’Anna (Asst Lariana) di San Fermo della Battaglia.
Sui pericoli di ritenere se non «sconfitto», quantomeno «indebolito» o «addormentato» il virus, ora che le restrizioni in Lombardia sono passate dalla zona rossa alla zona arancione e quindi alla gialla, nel giro di una settimana, era intervenuto ieri su queste colonne anche il presidente dell’Ordine dei Medici, Gianluigi Spata. «Da noi, e ovunque, il virus è ancora forte. Nessuno pensi di aver risolto il problema con questi pochi vaccini» aveva detto Spata. E ancora: «Tutti i ragazzi sono tornati a scuola, ma l’attenzione deve restare alta, non tanto nelle aule, ma sui mezzi di trasporto e quando gli studenti escono dagli istituti. Soltanto oggi (venerdì, ndr) ho fatto tre nuove segnalazioni di persone positive ad Ats Insubria – ha spiegato Spata – Con tutte le prescrizioni che seguono per i contatti stretti».
Appello del più alto rappresentante dei medici di base, ripreso immediatamente e se si vuole ancora con maggiore forza da chi è in prima linea tra i medici ospedalieri ad affrontare il virus. Il primario di Malattie infettiva non invita soltanto alla prudenza.
«Anzi. Se possibile – sottolinea ancora Luigi Pusterla – dobbiamo essere ancora più attenti nel rispetto delle norme di sicurezza (utilizzo della mascherina, distanziamento sociale e lavaggio delle mani)». Sono quindi ancora pochi semplici accorgimenti a poterci tenere lontani dal contagio da Coronavirus.
«Ricorrendo ad una metafora, si può dire che siamo come quando hai un fuoco con una brace ardente pronta a divampare di nuovo al primo filo di paglia che ci finisce sopra» conclude il primario di uno degli ospedali hub per l’emergenza Covid, il Sant’Anna di San Fermo della Battaglia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.