Il professor Felder, una vita per la scienza. Oggi 96enne vive in Ticino

Nella foto i coniugi Ernst e Elide Felder Nella foto i coniugi Ernst e Elide Felder

Il racconto di questa storia esemplare, fatta di lavoro, passione e dedizione, inizia con un termine strano, incomprensibile ai più: iopamidolo. Termine che però racchiude in sé una vita tanto semplice quanto entusiasmante. Quella di Ernst Hermann Felder. A lui si deve la scoperta prima dello iodamide e poi dello iopamidolo: i moderni principi attivi utilizzati come mezzi di contrasto nella diagnostica a raggi x, ancora oggi utilizzati. Nasce il 19 gennaio 1920 a Zurigo e cresce a Oberrieden, un piccolo villaggio rurale sulla riva sinistra del lago di Zurigo. Frequenta la scuola a Oberrieden dove l’insegnante nota un talento per lo studio, in particolare per le materie scientifiche che coltiva studiando chimica all’università. Le molecole di punta che scopre sono dapprima la iodamide e poi lo iopamidolo (brevettato nel 1974). Lo sviluppo di questi farmaci rappresenta un lavoro di squadra e Ernst lavora a stretto contato con un team di esperti tra cui Davide Pitrè (chimico originario di Moltrasio). Lo iopamidolo per diversi anni sarà nella lista “top 10” dei farmaci di maggior fatturato mondiale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.