Sport

Il ritorno del grande ciclismo sul Lario. Como prepara l’abbraccio al “Lombardia”

altDomenica scatta dai Portici Plinio una tra le “classiche” più amate
Il conto alla rovescia sta per terminare. Il prossimo fine settimana sarà consacrato al grande ciclismo, con il “Giro di Lombardia” che torna sul Lario.
L’ultima volta era stata nel 2010. Poi, dall’anno successivo lo spostamento del traguardo a Lecco.
Ora la città di Como torna di nuovo ad avere una sua centralità, con la partenza della gara. Per chi vorrà assistere a questo spettacolo l’appuntamento è fissato per domenica mattina.
Verso le 10.20 il gruppo dei corridori

prenderà il via dai Portici Plinio, attraverserà il centro storico e poi salirà dalla Napoleona. A Camerlata è previsto il via ufficiale: i protagonisti si ritroveranno di fronte 256 chilometri di strada da affrontare, con arrivo a Bergamo.
Sul Lario il passaggio più atteso sarà sul Colle del Ghisallo, dove il transito è atteso più o meno verso mezzogiorno. Un punto che dal “Lombardia” non può mancare.
Per quest’anno non è stata invece riproposta la scalata del terribile Muro di Sormano, che dovrebbe invece essere riproposto nel 2015, quando l’arrivo sarà di nuovo sulle rive del Lario.
Perché, grazie all’accordo tra gli organizzatori locali, “benedetto” da Rcs Sport, Como e Bergamo si scambieranno partenza e arrivo di una “classica” tra le più amate dagli appassionati.
Per quanto riguarda le limitazioni al traffico, nella giornata di sabato ci saranno parcheggi vietati nella zona dello stadio, per consentire il parcheggio dei pullman delle squadre e dei mezzi legati alla struttura organizzativa.
Domenica saranno chiuse le strade dove passerà la gara, che parte comunque dalla Ztl al mattino, con i disagi che dovrebbero essere limitati. Ovviamente le strade della provincia teatro della corsa saranno bloccate con un certo anticipo; il consiglio, per chi vuole andare nel punto più caldo della gara, il Colle del Ghisallo, è comunque di muoversi con un certo anticipo.
Dopo la partenza dalla città, i concorrenti passeranno da Cantù, Alzate Brianza, Erba, Canzo, Valbrona, Onno, Bellagio, Guello per poi salire verso il Colle del Ghisallo. Poi il transito da Asso, Eupilio e Pusiano, quindi la corsa si sposterà nel Lecchese e poi nella provincia di Bergamo, con il finale nella città orobica. Prima del traguardo i corridori scaleranno i colli Gallo (763 metri), Ganda (1.060), Bracca (600) e Berbenno (695).
Gli appassionati potranno vedere i migliori ciclisti del momento, a parte il vincitore del Tour de France, Vincenzo Nibali, impegnato in una corsa in Kazakistan. Per il resto, ci sono tutti i più forti protagonisti del panorama mondiale, tra cui il neoiridato polacco Michal Kwiatkowski, poi Alberto Contador, Joaquim Rodríguez, Fabio Aru, Philippe Gilbert e Damiano Cunego, ultimo italiano a vincere il “Lombardia”, a Como nel 2008.

Massimo Moscardi

Nella foto:
L’ultima vittoria italiana: Damiano Cunego in trionfo a Como nell’edizione 2008
2 Ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto