Il Sant’Anna paga in ritardo

alt

Sanità e scadenze
Con i fornitori non viene rispettato il limite europeo di 60 giorni. Ma c’è chi fa anche molto peggio

Da un minimo di due mesi e mezzo a un massimo di tre mesi e mezzo.
Nel 2013, i fornitori dell’azienda ospedaliera Sant’Anna sono stati pagati da 76 a 103 giorni dopo la data della fattura.
Un periodo superiore al limite fissato dall’Unione Europea, pari a 60 giorni, ma in linea con i dati lombardi e tra i migliori in assoluto in Italia. Basti dire che il record negativo, registrato a Catanzaro, è di 1.337 giorni d’attesa per saldare i conti.
Un ente sanitario pubblico, in base

a quanto stabilito dall’Europa, ha 60 giorni di tempo per pagare le fatture e saldare i conti con i fornitori. In tutta Italia, le strutture che onorano i debiti in due mesi sono una rarità.
Nel gennaio del 2014, l’Asl di Pavia ha pagato le fatture in 48 giorni, quella del Medio Friuli in 56, quella della città di Milano in 59 e l’Irccs Burlo Garofalo di Trieste in 60.
A livello regionale, la media migliore è quella della Valle d’Aosta (77), seguita da Trentino-Alto Adige (84) e Marche (87). Le strutture sanitarie della Lombardia hanno pagato in 93 giorni, mentre la media nazionale è di 215 e la maglia nera spetta alla Calabria, regione nella quale i fornitori devono aspettare 833 giorni prima di avere il saldo di una fattura. I dati sono stati raccolti ed elaborati dall’Osservatorio Crediti del Centro Studi Assobiomedica, che nei giorni scorsi ha inviato il dossier alla Commissione Europea. L’ultima fotografia completa è relativa al 2013.
Nel contesto generale, la situazione dell’azienda ospedaliera Sant’Anna è tra le migliori, anche se l’ospedale di Como non ha mai pagato i fornitori nei termini previsti.
La media, lo scorso anno, è stata di 93,6 giorni per pagare una fattura. Il mese migliore è stato dicembre, quando i fornitori hanno ottenuto quanto spettava loro in “soli” 76 giorni. Il periodo peggiore è stato aprile, con 103 giorni, seguito da giugno, 102. Nel 2014, però, il trend è in crescita e l’azienda ospedaliera di Como si sarebbe attestata a quota 60 giorni. In Lombardia, in media, nel 2013 l’attesa per un pagamento è durata da 92 a 108 giorni.
Per quanto possa sembrare paradossale, la situazione dello scorso anno è la migliore dal 1990.
Negli ultimi 25 anni infatti, l’attesa per il saldo di una fattura è stata sempre a tre cifre, con una punta massima, nel 2003, di 373 giorni.

Anna Campaniello

Nella foto:
L’ospedale Sant’Anna di San Fermo non riesce a rispettare i limiti europei per i pagamenti dei fornitori

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.