Il Sap lancia già l’allarme sicurezza. Almeno cinque gli incontri a rischio

alt Le rivalità tra le tifoserie
Se un Como in serie B dieci anni dopo l’ultima e sfortunata apparizione nella categoria cadetta fa sognare la città, chi deve gestire l’ordine pubblico non può dimenticare come il campionato presenterebbe veri propri match ad alto rischio.

A parte la curiosità di affrontare il Bologna nel caso in cui la cordata dell’ex sindaco Stefano Bruni andasse a buon fine, in B ci sono Livorno, Varese e Modena. I trascorsi tra le tifoserie azzurre e quelle dei cugini di Varese parlano di scontri frequentissimi. Rischio alto anche per le sfide con gli amaranto del Livorno, match che da sempre fanno rima con Daspo e feriti e pure quelle con il Modena, ad alta tensione in campo e sugli spalti, tutti ricorderanno il drammatico caso Ferrigno-Bertolotti.

Sarebbero a rischio anche le partite tra Como e Brescia, per una rivalità nata negli anni Ottanta, quando entrambe le squadre erano in serie A e pure quelle tra Como e Spezia. La storia anche recente parla di scontri tra gli ultrà liguri e lariani. Episodi che ben conosce Ernesto Molteni, segretario provinciale del Sap, il Sindacato autonomo di polizia, che da anni sottolinea l’inadeguatezza dello stadio Sinigaglia per garantire la sicurezza durante gli incontri a rischio scontri.
«La Lega Pro è un conto – spiega Molteni – la serie B è tutt’altra questione. Le tifoserie hanno numeri completamente diversi e noi, da tempo, lamentiamo la pericolosità dello stadio Sinigaglia».
Carenze strutturali difficili da risolvere, con i giardini da una parte, le case dall’altra e il lago a chiudere ulteriormente gli spazi. «Il Sinigaglia non è adatto a certi livelli di calcio – spiega Molteni – semplicemente perché non ha vie di fuga. Gestire le emergenze è sempre stato molto delicato e i problemi si ripresenterebbero in tutti gli incontri a rischio che il campionato di serie B propone» conclude il segretario del Sap.

Nella foto:
Ernesto Molteni

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.