Il sindaco Landriscina e l’alleanza Como-Varese: «Siamo territori ricchi, produttivi e attraenti»

Mario Landriscina

«Oggi non fare sinergia è irragionevole perché nessuno può sopravvivere a se stesso. Soprattutto se si ha come dirimpettaio Milano». Il sindaco di Como, Mario Landriscina, ascolta con interesse quanto emerso dal Rapporto illustrato al Quirinale e le valutazioni in arrivo dai vicini di Varese e rilancia. «Su certi temi importanti come lo sviluppo del tessuto economico, le sinergie a livello culturale e accademico e le infrastrutture, non penso che debba importare la differenza di orientamento politico. Ma deve essere necessario un intento comune a livello amministrativo», spiega il sindaco. «Como ha sperimentato anche con Lecco, terzo protagonista possibile di questa collaborazione, cosa significhi essere uniti grazie al nuovo sistema camerale, dunque discutiamone». Anche perché i temi sono tanti. «I nostri territori hanno un tessuto industriale e artigianale fortissimo, capace di produrre un fatturato che ha pochi rivali a parità di popolazione. Como in più ha anche una visibilità internazionale senza pari. Insomma, gli aspetti interessanti ci sono e vanno approfonditi», prosegue il ragionamento Landriscina che propone di realizzare, se possibile, un’agenda delle priorità, degli argomenti da mettere in cima a un’ipotetica lista delle richieste da avanzare insieme. «Dal traffico, che per entrambe le città è un problema, a un ulteriore sviluppo dell’università, da sempre molto attiva su entrambi i territori. Senza tralasciare la nostra vicinanza con la Svizzera e tutti i temi caldi ad esso connessi a partire dal lavoro dei frontalieri», aggiunge il sindaco di Como. Avendo comunque ben chiara sullo sfondo la presenza di Milano. «Si tratta di realtà troppo differenti ma rimane però imprescindibile pensare che la metropoli milanese non abbia delle influenze. Importante per noi è non rimanere passivi ma cercare delle modalità per collaborare», chiude il sindaco.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.