Cronaca

Il sindaco Lucini: «Apriamo il dibattito. Era stata destinata all’housing sociale»

La proposta del primo cittadino
(f.bar.) Il sindaco di Como risponde presente. E così si apre immediatamente il dibattito sul futuro utilizzo della Caserma De Cristoforis. Mercoledì scorso il colonnello Marco Tesolin – comandante a Como – ha annunciato che per il 2018 i militari potrebbero definitivamente lasciare i grandi spazi della caserma oggi sottoccupati.
Cosa fare dunque di questo mastodontico complesso un tempo popolato da oltre mille soldati?

Diverse le idee messe sul piatto dal comandante. A partire dalla trasformazione del compendio in una cittadella amministrativa. Ipotesi che non dispiace nemmeno al sindaco di Como che – appresa la notizia del probabile trasloco – propone di aprire ufficialmente il dibattito sul futuro della caserma con un passaggio amministrativo.
«Nel Piano di governo del territorio (Pgt) – spiega Lucini – la caserma era stata inserita nel quadro dei servizi. Si ipotizzava una riqualificazione tramite concorso di progettazione e una vocazione di housing sociale».
Ora però alla luce di queste prospettive «credo sia opportuno riaprire nuovamente la discussione sulla De Cristoforis, all’interno della variante al Pgt, e prevedere altri possibili usi dell’area», aggiunge sempre Mario Lucini.
Alla destinazione di housing sociale «si potrebbe aggiungere quella dei servizi. Non tanto sanitari, poiché – precisa il sindaco – è importante che la cittadella sanitaria venga confermata e completata nell’ex Sant’Anna».
Pensando a come impiegare gli oltre 9mila metri quadrati coperti della Caserma De Cristoforis, le possibilità si moltiplicano. «All’interno – conclude il sindaco di Como – potrebbero trovare posto uffici pubblici come l’Archivio di Stato, o tutte le strutture pubbliche che stanno oggi in spazi stretti, inadeguati o con canoni d’affitto molto alti».
Mancano ancora diversi anni – qualora si concretizzasse quanto detto dal comandante Marco Tesolin – prima all’addio delle forze armate ma la discussione è ormai aperta. Di spazi ampi e da ripensare, in città, ne esistono già numerosi. La caserma si va così ad aggiungere al compendio del vecchio ospedale Sant’Anna e alla collina dove sorge l’ex ospedale psichiatrico San Martino.

16 Mag 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto