Il sindaco ribadisce: «Al momento niente soldi per i giardini a lago»

Dopo le polemiche
«Recuperare l’area dei giardini a lago significa trasformarla in una zona più vissuta, con una maggiore presenza di cittadini che abbiano l’intenzione di usarla al meglio. Tutto quello che possiamo fare a costo zero in questo senso lo facciamo e lo faremo, l’impegno della giunta c’è. Sul fronte della sicurezza però sarebbe scorretto dire che l’area è abbandonata, il presidio delle forze dell’ordine c’è ed è costante».
Il sindaco di Como Mario Lucini torna a intervenire
sulla sicurezza dell’area dei giardini a lago, un tema di stretta attualità dopo i recenti episodi di violenza, avvenuti anche in pieno giorno. L’ultimo proprio nella notte tra sabato e domenica, con due ragazzi aggrediti e malmenati.
«Dal punto di vista della sicurezza l’area è controllata – sottolinea il primo cittadino – Ho parlato con il prefetto e con le forze dell’ordine e so che sono molto attenti. Il loro impegno in città è massimo e anzi li ringrazio. Anche nei recenti, brutti episodi di violenza l’intervento delle forze dell’ordine è sempre stato immediato ed efficace».
In prospettiva, l’impegno di Palazzo Cernezzi è di rivitalizzare l’area. «Sicuramente c’è bisogno di fare alcuni interventi per eliminare le situazioni di evidente degrado, ad esempio della vasca o delle fontanelle – dice Mario Lucini – L’aspetto principale però è rendere più appetibile l’area con eventi e manifestazioni. La presenza di tante persone con l’intenzione di usare bene i giardini è il modo migliore per scoraggiare e tenere lontani coloro che hanno invece intenzioni di altro genere. In questo senso ci muoveremo al più presto, anche se non abbiamo risorse da dedicare ai giardini e facciamo solo quello che si può programmare a costo zero».

Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.