Cronaca

Il sindaco Tosi da Verona a Cantù: «Lega coerente, siamo contro l’Imu»

«La manovra “Salva Italia” è destinata ad affossare il Nord»
«La Lega non ha bisogno di nascondersi perché è un movimento coerente e vicino al territorio. Ai canturini dico di andare a votare e di scegliere Nicola Molteni, un sindaco giovane e con un grande spirito di servizio, come dimostra il fatto che sia pronto a dimettersi dalla carica di parlamentare, rinunciando quindi a un lauto compenso, per assumersi un incarico meno remunerativo e con molte più “rogne”».
Forte della rielezione al primo turno con una maggioranza schiacciante, il sindaco di Verona Flavio Tosi è arrivato ieri a Cantù per sostenere la candidatura del leghista Nicola Molteni. Domenica e lunedì prossimi, al ballottaggio, l’esponente del Carroccio – sostenuto anche da cinque liste civiche – sfiderà l’esponente di Lavori in Corso Claudio Bizzozero.
«Nicola Molteni ha lavorato per il territorio e per il Nord nel suo ruolo di parlamentare – ha sottolineato Tosi – Ora è pronto a tornare nella sua
città per garantire ai canturini una buona amministrazione. La Lega ha ottenuto un ottimo risultato a Cantù ed è un chiaro segnale di apprezzamento del candidato sindaco e del lavoro fatto negli ultimi anni».
«La Lega può ripresentarsi con la coerenza di chi a Roma ha votato contro l’Imu, soprattutto sulla prima casa e contro una manovra definita “Salva Italia” ma destinata ad affossare il Nord – ha proseguito il sindaco di Verona – Il fatto di essere coerenti ci garantisce la possibilità di poter dire le stesse cose a Roma come sul territorio. Un sindaco deve difendere il territorio, come il Carroccio ha saputo fare e continuerà a fare con la protesta dei sindaci contro l’Imu».
Verona ha già scelto il suo sindaco e nel prossimo fine settimana i cittadini non dovranno recarsi di nuovo alle urne. «Quella del ballottaggio è per Cantù una sfida fondamentale – ha detto Tosi – Il mio appello è perché torniate a votare scegliendo la continuità di persone oneste e con un grande spirito di servizio. Cambiare significherebbe consegnare la città a una sinistra nascosta dietro liste civiche, essere malgovernati e mettersi dalla parte di chi non è vicino al territorio, si affida alla pura demagogia e a Cantù ha perso e riperso perché evidentemente non è quello che i canturini vogliono».
Nella Città del Mobile, con Tosi è intervenuto anche Giancarlo Giorgetti, che ha invitato i canturini a «sostenere Molteni per abbattere anche il secondo muro, quello della sfida del ballottaggio».
«La Lega c’è, non ci siamo nascosti e siamo stati premiati – ha detto a sua volta Nicola Molteni – Abbiamo allargato la nostra base aprendoci alla società civile dapprima con tre e ora con 5 liste civiche che corrono con noi. Flavio Tosi per me è un modello, sarò come lui un sindaco tra la gente, per dare risposte ai bisogni veri dei cittadini. La politica, la buona politica fatta con il cuore non è una brutta cosa ma garantisce una buona amministrazione».

Anna Campaniello

Nella foto:
Il sindaco di Verona, Flavio Tosi (a sinistra), ieri a Cantù assieme al parlamentare Nicola Molteni, in lizza al ballottaggio (Fkd)
15 Maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto