Cronaca

«Il sistema cooperativo è una risorsa fondamentale»

Il convegno all’associazione Cometa
Presentata la nuova edizione di Expandere in programma il 21 maggio a Lariofiere
Il sistema cooperativo va visto «come una risorsa fondamentale per il Paese nei momenti di difficoltà, grazie alla sua radicata territorialità». Si è espresso così, sottolineando con orgoglio il ruolo che il credito cooperativo sta avendo nella fase di superamento della crisi contingente, Giovanni Pontiggia, presidente della Bcc dell’Alta Brianza e di Icccrea BancaImpresa. L’occasione è stata l’incontro di preparazione a Expandere 2014, iniziativa-evento dedicata alle relazioni tra imprese e organizzata per il prossimo 21 maggio, a Lariofiere, dalla Cdo di Como, Lecco, Sondrio, Monza e Brianza.
Il tema dibattuto è stato “Il sistema cooperativo: un modello imprenditoriale per lo sviluppo dell’economia locale”.
Pontiggia ha voluto puntualizzare come proprio questo sistema sia stato «fondamentale per sostenere il Paese nel mezzo della crisi, fornendo un sostegno decisivo per le piccole e medie imprese». Il prezzo pagato per questo sforzo, però, si è fatto sentire e lo testimoniano i numeri: «un passivo di 38 milioni di euro per la Lombardia, un pareggio del bilancio su scala nazionale nell’anno in corso».
Il problema, ha proseguito Pontiggia, sta «nelle regole bancarie europee che sono pensate per i grandi gruppi e che, con le loro verifiche e la loro burocrazia, sono impossibili da sostenere per il credito cooperativo».
C’è l’esigenza che chi sarà eletto al Parlamento europeo faccia una trattativa in questo senso e «faccia presente le specificità italiane».
Sulla stessa linea anche Mauro Frangi, presidente di Confcooperative Como, che ha ribadito come il concetto di cooperativa non sia affatto «superato o antico», ma anzi sia «il miglior strumento per interpretare i pressanti bisogni sociali di oggi». L’autoimprenditorialità e l’impronta mutualistica che stanno alla base della cooperativa, ha affermato Frangi, «sono caratteristiche fondamentali per superare la crisi e, per le piccole imprese, sono l’unico modo per trattenere ciò che producono», utili in primis.
Le testimonianze introdotte, nel corso della discussione, da Giampaolo Silvestri, segretario generale della fondazione no profit Avsi, da sempre rivolta a sviluppare progetti di cooperazione in diversi ambiti in tutto il mondo, e da Alessandro Mele, direttore generale dell’associazione Cometa di Como, che ha ospitato il convegno, sono state rivolte proprio a valorizzare quanto di buono e importante questo tipo di sistema possa portare e localmente e su di una scala più vasta.
Il sistema cooperativo, insomma, può rappresentare un modello imprenditoriale vincente.

Edoardo Testoni

Nella foto:
Il tavolo dei relatori al convegno che si è svolto nella sede dell’associazione Cometa (Mv)
9 Maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto