Il sogno di un Como americano  è già svanito. Fallita la trattativa di Nicastro
Sport

Il sogno di un Como americano è già svanito. Fallita la trattativa di Nicastro

È durato 24 ore il sogno di un Como a stelle e strisce. La risposta dei potenziali investitori interessati è arrivata in tempi record ed è un secco stop all’operazione. I possibili acquirenti, arrivati da Los Angeles, avevano incontrato il mister, la squadra e lo staff, visitato lo stadio Sinigaglia e il centro sportivo, di Orsenigo, ancora sotto sequestro.
«Gli investitori si sono tirati indietro – ha detto ieri lo stesso presidente Massimo Nicastro, che martedì aveva parlato con grande ottimismo del progetto del gruppo di origine indonesiana – La decisione di rinunciare è legata allo stato delle strutture, dello stadio e del centro di Orsenigo. Mi hanno comunicato che non intendono proseguire nella trattativa e che sposteranno la loro attenzione su altro».
Il presidente conferma comunque la volontà di proseguire nella ricerca di un nuovo acquirente. «Ci concentreremo su altre trattative che erano secondarie e che ora diventeranno prioritarie – conclude Nicastro – Il lavoro prosegue».
Il giorno dopo la visita dei potenziali acquirenti, alla quale non era stato invitato, parla anche Roberto Felleca, socio al 50% di Nicastro. L’imprenditore sardo non entra nel merito delle trattative e preferisce puntare l’attenzione sull’attualità.
«Devo essere molto concreto – dice – Adesso bisogna pagare gli stipendi di novembre. Personalmente è quello che ho già fatto da luglio a ottobre, oltre che con i fornitori dello scorso anno».
«Spero nella massima collaborazione di Nicastro anche e soprattutto in vista dell’assemblea dei soci che è stata spostata al prossimo 27 novembre – aggiunge – Perché posso prendere atto delle trattative, ma come ho già sottolineato in questa fase, con la squadra lanciata, non possiamo permetterci errori. È necessario fare investimenti nell’immediato. Ci sono perdite da ripianare e auspico che Nicastro intervenga anche nell’ottica di un’eventuale vendita di quote».
Un brusco risveglio, così, per chi aveva creduto nel sogno americano, il gruppo straniero con base a Los Angeles con capitali potenzialmente illimitati.
«Sembrava quasi una barzelletta. Ci sono un americano, un indonesiano ed un sardo… – ha commentato ancora Felleca – Con il sardo che paga e va a lavorare tutti i giorni per far vincere il campionato».

22 Nov 2018

Info Autore

Massimo Moscardi

mmoscardi mmoscardi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto