Il successo di Ballerini all’Omloop Het Nieuwsblad: «È un sogno realizzato»

Davide Ballerini Omloop

Grande vittoria di Davide Ballerini: il ciclista comasco ha conquistato in volata la Omloop Het Nieuwsblad, prima “classica” del Nord del 2021, disputata sabato in Belgio, nelle Fiandre, con partenza da Gent e arrivo a Ninove (200,5 chilometri). Una gara magari non nota agli italiani, ma che in realtà ha grande valore in un territorio – le Fiandre e il Belgio – dove lo sport del pedale vanta moltissima considerazione.
Il corridore della Deceuninck-Quick-Step Cycling ha confermato il suo stato di forma: pochi giorni fa aveva infatti conquistato le prime due tappe e la maglia a punti al Tour de La Provence in Francia. Al traguardo secondo posto per il britannico Jake Stewart (Groupama-FdJ) e terzo il belga Sep Vanmarke (team Israel Start-Up Nation). Quinta piazza per Philippe Gilbert, 38 anni, campione del mondo 2012 e vincitore di due Giro di Lombardia sul traguardo di piazza Cavour, nel 2009 e nel 2010.
Fatto curioso: l’ultimo italiano a conquistare la corsa era stato Luca Paolini, un altro comasco, nel 2013. E proprio Paolini in questa circostanza ha parole di elogio per il suo successore: «Mi fa molto piacere per Davide – spiega l’ex corridore, oggi 41enne – Lo conosco di persona e lo apprezzo per la sua umiltà. Mi fa molto piacere che sia stato lui il primo italiano, dopo di me, a imporsi in questa gara. Il trofeo non poteva finire in mani migliori».
«È un sogno – ha detto un entusiasta Davide Ballerini al traguardo – Non ci posso credere, le parole non bastano per descrivere le mie sensazioni. Ero alla seconda partecipazione alla Omloop: vincere questa gara dopo essere caduto al mio debutto, due anni fa, è incredibile».
«Sono sempre stato un tifoso della squadra Deceuninck-Quick-Step – ha aggiunto – e mi ricordo, quando ero piccolo, che guardavo in tv la formazione impegnata in queste “classiche”. Un successo con questa maglia è per me motivo di orgoglio, un desiderio che avevo e che si è realizzato. In più c’è la soddisfazione di aver reso felici molte persone con questa affermazione. Non è stata una prova facile e voglio ringraziare la squadra che ha lavorato per me. Una grande carica è arrivata dall’incoraggiamento nel finale del mio compagno Julian Alaphilippe, il campione del mondo: mi ha dato forza in più».


Photo © Deceuninck – Quick-Step – ©Luc Claessen / Getty Images

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.