Sport

Il premier Enrico Letta: “Io, fan di Marzorati e Antonello Riva”

altIntervista al presidente del consiglio, che racconta la sua canturinità

“Perché sono diventato tifoso di Cantù? Perché quando ero piccolo mi sono innamorato delle imprese della squadra con Pierluigi Marzorati e Antonello Riva. Era un periodo in cui pensavo di essere anche un buon giocatore”. Parole di Enrico Letta, presidente del consiglio che, come è noto, ha aderito alla proposta di azionariato popolare per sostenere la squadra brianzola. Un’idea del sindaco Claudio Bizzozero dopo l’appello della scorsa estate del presidente Anna Cremascoli che ha detto: “Alla fine di questa stagione non potremo più proseguire  con l’attuale gestione economica”. Enrico Letta ha parlato di basket e del suo amore per la Pallacanestro Cantù. 

Lo ha fatto in una intervista a RaiSport nell’intervallo della trasmissione in diretta, domenica sera, della partita tra brianzoli e senesi, vinta dalla formazione di coach Stefano Sacripanti. “Quando ero giovane giocavo a basket nel Cus Pisa e avrei voluto essere come Marzorati – ha aggiunto Letta – Ma siccome ero il più alto mi avevano messo a fare il pivot. Così non ho imparato bene a palleggiare e i fondamentali. Così ho smesso, perché non ero all’altezza. Ma il mio sogno sarebbe stato di fare come i vari Gallinari, Bargnani, Datome e Bellinelli, ossia di andare a giocare in Nba. Alla fine, però, il mio ruolo di presidente del consiglio è molto vicino alla pallacanestro: devo smistare palloni, evitare colpi…”.

Il premier, nell’intervista a RaiSport, si è poi soffermato sul bello del basket: “Mi piace perché è il vero sport di squadra. Ci può essere un grande campione, ma non può fare tutto da solo. Deve avere vicino dei bravi compagni e poi conta molto anche il ruolo dell’allenatore”. Tornando a Cantù, sul discorso dell’azionariato popolare, che sta procedendo, ma non decolla, Letta ha detto: “Una situazione complicata, dovrò parlare con Pierluigi Marzorati”. Oltre che di Cantù, il primi ministro ha ammesso di essere un “fan dei Los Angeles Lakers, dove giocava Kurt Rambis, che come me portava gli occhiali e di grandi giocatori come Magic Johnson e Kareem Abdul Jabbar”.

25 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto