Ciclismo, il Tricolore giornalisti al Ghisallo

Santuario della Madonna del Ghisallo

Un nuovo evento che coinvolgerà il Ghisallo e il suo Museo del Ciclismo, in questo 2018 già al centro dell’attenzione per le sue iniziative e per gli ospiti di rilievo che sono arrivati (Vincenzo Nibali e Paolo Bettini) e quelli che sono annunciati nei prossimi mesi (Andrew Hampsten e Johan Museeuw).
In questo caso la data da segnare in calendario è quella del 17 giugno: il Ghisallo sarà infatti la base del Campionato italiano di ciclismo riservato ai giornalisti.
Un evento che vanta una lunga tradizione. La prima edizione, infatti, risale al 1909 e vide il successo, a Tabiano-Salsomaggiore, di Dino Calza. Nell’albo d’oro, tra gli altri, anche il più famoso telecronista italiano dello sport del pedale, Adriano De Zan.
L’evento è organizzato dall’Associazione giornalisti ciclisti, presieduta da Roberto Ronchi.
Pedaleranno per la maglia tricolore, ma anche per puro divertimento, molti giornalisti, che troveranno il traguardo in un luogo, il Ghisallo, di cui spesso hanno magari scritto nei loro articoli.
La data fissata è domenica 17 giugno, come detto, e non mancheranno iniziative collaterali. Fra queste la presentazione del libro Gli italiani al Tour de France, edito da Utet, con Giacomo Pellizzari scrittore e giornalista di ciclismo. Ci sarà inoltre un momento artistico, con una speciale mostra del corridore e pittore Miguel Soro. Parallelamente prosegue anche l’esposizione di foto dedicata a Paolo Bettini Tutti i colori della vittoria , inaugurata poche settimane fa dal campione toscano.
«L’idea di ospitare questa prova tricolore è arrivata in modo spontaneo – afferma il presidente della Fondazione Museo del Ghisallo Antonio Molteni – Siamo sempre presenti agli eventi collaterali del gemellato museo Acdb di Alessandria, che ha supportato il Tricolore giornalisti 2017».
«Ci siamo insomma scambiati il testimone, con la solita passione e condivisione di intenti – sostiene ancora Molteni – ossia promuovere valori, storia, territorio, facendo vivere i nostri musei del ciclismo».
Interviene anche Carola Gentilini, direttrice del Museo del Ghisallo di Magreglio: «Sarà una bella occasione di racconti, incontri, di festa e di pedalate per promuovere le nostre attività museali che vivono dell’energia del racconto di tutti», afferma.
In gara vi saranno varie categorie, compresi i Gentleman (pubblicisti e professionisti con più di 70 anni). Il ritrovo sarà sul piazzale del Ghisallo alle 7.30 di domenica 17 giugno, mentre la partenza sarà alle 9.30. La sfida sarà sul percorso tra Magreglio, Barni, Lasnigo, Canzo, Castelmarte, Pontelambro, Erba Buccinigo, Pontelambro, Castelmarte, Canzo, Lasnigo, Barni e arrivo a Magreglio, per un totale di 38 chilometri.
Come detto, l’evento dedicato ai giornalisti si aggiunge ad altre iniziative che non mancheranno di richiamare gli appassionati sul Colle del Ghisallo. Per il giorno 6 luglio è stato annunciato l’arrivo dell’ex corridore americano Andrew Hampsten, vincitore del Giro d’Italia del 1988.
In autunno, invece, nei giorni del Giro di Lombardia, sarà ospite il belga Johann Museuuw, campione del mondo sul traguardo di Lugano nel 1996.
Massimo Moscardi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.