Il vescovo Coletti: «Lasciamoci prendere per mano dal Vangelo»

alt

Le celebrazioni religiose

L’aspetto religioso del Natale è quello sempre più atteso sul Lario, nonostante il consumismo rischi di offuscare l’originario significato religioso della festività. «Lasciamoci prendere per mano dalla gioia del Vangelo, facciamone il motivo trascinante di ogni nostra azione»: così si è espresso nel tradizionale augurio alla città il vescovo di Como, monsignor Diego Coletti, che ha affidato tale messaggio al consueto

editoriale di fine anno, appena pubblicato sul “Settimanale della Diocesi”.
Nelle prossime ore, però, non mancheranno le occasioni di incontro fra il vescovo e i fedeli per le liturgie natalizie. Si parte oggi, giorno della vigilia, con la messa delle 10 che monsignor Coletti presiederà al carcere del Bassone, per portare un messaggio di gioia e di speranza ai detenuti, alle forze dell’ordine e alle loro famiglie.
Alle 24, come da tradizione, il vescovo sarà in Cattedrale a Como per la messa della notte di Natale, preceduta alle 23.30 dalla veglia di preghiera. Si svolgerà invece alle 10.30 in Duomo il Pontificale di domani, 25 dicembre, con benedizione papale. Alle 12.30, poi, Coletti trascorrerà il pranzo di Natale alla mensa dei poveri dell’istituto “Don Guanella” di via Grossi, nel segno della carità ispirata dal neo-santo lariano, San Luigi Guanella.
Il presule celebrerà inoltre il 31 dicembre, alle 17, la messa in Cattedrale con il canto del “Te Deum” di ringraziamento e il 1° gennaio alla stessa ora la messa in Duomo nella solennità di “Maria SS. Madre di Dio”.

Nella foto:
Il vescovo Diego Coletti durante la Novena di Natale

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.