Cronaca

Il voto tra sfide rosa e generazionali

Tutte le curiosità delle urne
In 14 comuni il candidato era soltanto uno   A Bregnano l’unico scontro al femminile
(f.bar.) Curiosità nelle urne. Dai 97 comuni, in corsa per le elezioni del sindaco, arrivano le più svariate bizzarrie. Innanzitutto lo scontro generazionale andato in scena a Dizzasco dove si sono battuti fino all’ultimo voto il 20enne Aldo Riva, che ha ottenuto 163 preferenze, e il quasi 80enne Giovanni Candiani, in sella a Dizzasco da circa mezzo secolo e trionfatore con 179 voti. «Sinceramente non mi aspettavo un simile risultato – dice un emozionato Aldo Riva – Il vincitore è molto conosciuto. È in politica da decenni. Credevo ci potesse essere un divario maggiore. E invece sono molto felice di come è andata. Era il mio primo tentativo alla carica di sindaco. Ci riproverò la prossima volta, per adesso ci batteremo dai banchi della minoranza».
Lo scarto minore tra candidati si è invece registrato a Ramponio Verna dove il sindaco Mario Colombo (entomologo e professore universitario, già assessore alla Cultura in Provincia per due volte) l’ha spuntata su Donata Volpi per soli 3 voti (131 contro 128). Unico duello tutto al femminile invece a Bregnano dove Elena Daddi (Bregnano in movimento) ha battuto Evelina Arabella Grassi (Un progetto per Bregnano) per 302 voti (1.781 a 1.479).
Questioni di famiglia, invece, a Castiglione d’Intelvi dove ha vinto Carlo Gelpi, al suo terzo mandato. In paese quello dei Gelpi è un nome storico. Qui, nell’immediato dopoguerra, iniziò il suo impegno politico il papà Emilio Gelpi, eletto nel 1946. Dopo una pausa di un mandato, venne rieletto sindaco nel ’56 e restò in carica ininterrottamente sino al 1999.
Nomi importanti, anche se non esistono parentele, a Lurago Marinone dove ha trionfato Luigi Berlusconi. Al voto pure i nuovi comuni nati dalle recenti fusioni. E così a Colverde, paese della cintura urbana scaturito dall’unione di Parè, Drezzo e Gironico, ha trionfato Cristian Tolettini ex primo cittadino di Drezzo, esponente della Lega Nord (è stato anche segretario provinciale a Como del Carroccio), mentre a Bellagio – unione tra l’omonimo comune e Civenna – ha vinto Angelo Barindelli con 1.778 voti, pari all’84,66% dei consensi.
Tra le compagini politiche più “estreme” anche Forza Nuova, che ha presentato i suoi candidati in 2 comuni senza però ottenere risultati di rilievo. A Bene Lario Duilio Canu ha conquistato solo 5 voti a fronte dei 163 del vincitore. A Peglio Cristina Perregrini ha raccolto 15 voti contro i 121 del vincitore.
Sono stati ben 14, invece, i comuni andati al voto con un solo candidato. Tra i tanti, a Dosso del Liro il nuovo primo cittadino è Luciana Palo. La curiosità è che nella sua lista, su 9 componenti, ben 6 non hanno ottenuto neanche un voto. Infine, ecco i comuni andati alle urne con il maggior numero di candidati a sindaco. Vince Mariano Comense, dove la sfida ha visto impegnati ben 7 nomi. A quota 6 si è fermato Ponte Lambro e a 5, infine, Lurate Caccivio, Cermenate e Capiago Intimiano.

Nella foto:
A Dizzasco il quasi 80enne Giovanni Candiani, in sella da circa mezzo secolo, ha battuto il 20enne Aldo Riva
28 maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto