Imelda e Bonifacio, coppia tragica in Pinacoteca

OPERA D’ARTE RESTAURATA
Oggi è l’ultimo giorno utile (orario 10-13) per ammirare nella Pinacoteca Civica di Palazzo Volpi a Como, in via Diaz 84, l’olio su tela del purista Cesare Mussini (Berlino, 1804 – Firenze, 1879) Imelda dei Lambertazzi e Bonifacio dei Geremei. La tela (nella foto) illustra la tragica vicenda di due innamorati bolognesi del XV secolo, vittime della rivalità delle loro famiglie. Una storia “shakespeariana” che ha anche ispirato un’opera di Gaetano Donizetti. I fratelli della ragazza porranno
fine all’idillio uccidendo il giovane con un pugnale avvelenato. La vicenda culminerà con la morte della ragazza che si getterà sul corpo dell’innamorato per succhiare il veleno. L’ambientazione spaziale del dipinto, scandita dagli ampi drappeggi delle tende in primo piano, suggerisce che il pittore si sia ispirato a una delle rappresentazioni teatrali del testo.
Il restauro, appena concluso nel laboratorio di Laura De Nardi sotto la direzione di Daniele Pescarmona e Maria Letizia Casati, ha messo in evidenza la franchezza degli accordi tonali, soprattutto sugli abiti della figura femminile, desunti dalla pittura del Manierismo fiorentino. È anche l’occasione per visitare la Pinacoteca con le sue collezioni d’arte.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.