Imprese e servizi sociali, le “garanzie” di Civitas

L'ingresso di Palazzo Cernezzi

Una veduta di Palazzo Cernezzi Una veduta di Palazzo Cernezzi

Proteggere i lavoratori assunti nelle aziende che svolgono servizi per il Comune. E salvaguardare lo stesso ente locale da possibili conseguenze legate a inadempimenti contrattuali. La lista Civitas, rappresentata in consiglio comunale a Como da Bruno Magatti, ha presentato oggi in una conferenza stampa il testo di una delibera di indirizzo sulla quale sarà chiesto il voto dell’assemblea di Palazzo Cernezzi. «L’obiettivo – dice Magatti – è duplice: tutelare il lavoro e tutelare il Comune». In pratica, la delibera chiede che il municipio di Como, all’atto della stipula dei nuovi contratti di servizio con aziende esterne, inserica una doppia clausola di salvaguardia. «La prima relativa ai dipendenti – dice Magatti – e finalizzata a evitare che un cambio di gestione comporti il licenziamento degli addetti o una riduzione dei livelli salariali. La seconda, invece, relativa al Comune e diretta a evitare che sia l’ente pubblico a dovere farsi carico di eventuali spese dovute dalle imprese affidatarie». La delibera, conclude Bruno Magatti, serve anche a proteggere la collettività garantendo ai cittadini e alle famiglie «la necessaria continuità dei servizi e una costante qualità degli stessi».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.