Imu e Tasi, a Como pagati quasi 300 euro a testa

Comaschi in coda all'Ufficio tributi del Comune di Como Comaschi in coda all’Ufficio tributi del Comune di Como

Imu e Tasi, Como incassa 24 milioni e mezzo di euro. Nel 2014, infatti, i residenti in città hanno pagato in media 292 euro e 10 centesimi a testa. Lo rivela uno studio del “Sole 24 Ore” che ha analizzato i dati contenuti nei bilanci dei capoluoghi di provincia. Va ricordato come dal 1° gennaio del 2014 sia in vigore l’imposta unica comunale (Iuc) costituita dall’imposta municipale propria (Imu), di natura patrimoniale, dal tributo per i servizi indivisibili (Tasi) e dalla tassa sui rifiuti (Tari) destinata, appunto, a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.
Su scala nazionale, l’importo versato nel 2014 da 14,7 milioni di contribuenti a titolo di primo acconto Imu-Ici ammontava a circa 9,5 miliardi di euro, mentre il saldo a fine 2014 è stato di 20,6 miliardi. In totale Imu, Ici e Tasi fanno incassare allo Stato 25 miliardi di euro.
Como si piazza a metà della classifica nazionale con un dato medio che è inferiore rispetto agli altri capoluoghi lombardi salvo per la città di Varese che fa segnare la cifra di 192 euro a testa e un totale di 15,7 milioni di euro.
Guardando la graduatoria complessiva, il podio vede, sul gradino più basso, la città di Milano con 817 milioni di euro di entrate e una cifra pari a 631 euro per abitante. Somma che viene superata solo da Siena, seconda classificata, con un esborso pro capite di 637,5 euro (per un’entrata complessiva di 34,5 milioni di euro) e da Padova, in vetta alla classifica con 668,3 euro a persona (141,4 milioni di euro di entrate).
In fondo all’elenco dei capoluoghi d’Italia compaiono diverse realtà del Sud Italia. Le ultime tre posizioni sono occupate da Catanzaro, con entrate pari a 12,6 milioni di euro equivalenti a 134 euro per abitante, poi Palermo con 83,4 milioni di euro e 125,4 euro pro capite. Ultima della lista Crotone con 6,8 milioni di euro e 111,2 euro a testa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.