Cronaca

Imu, on line il calcolo esatto dell’imposta. Ma c’è ancora incertezza sulle aliquote

Tra meno di un mese bisognerà pagare la prima rata, a dicembre il conguaglio
Manca poco meno di un mese alla scadenza di una delle tasse più odiate e discusse degli ultimi anni: l’Imu. Acronimo di Imposta municipale propria.
In altre parole, la tassa sugli immobili. Prima, seconda o terza casa, ufficio, studio o magazzino. Terreni agricoli o edificabili.
L’Imu sostituisce l’Ici, che sulla prima casa era stata abolita parzialmente dal governo Prodi e poi in modo definitivo dal governo Berlusconi.
In realtà, anche l’Imu è stata introdotto dal governo
Berlusconi, con un decreto del marzo 2011. Un’imposta pensata però in chiave federalista, dice oggi la Lega. Il governo Monti non ha fatto altro che anticipare l’entrata in vigore della tassa dal 2012, anziché – come prevedeva il decreto – dal 2014.
COME SI CALCOLA
In Rete è facile trovare un calcolatore di Imu. È stato caricato anche sul sito del Comune di Como. Bisogna conoscere soltanto il valore catastale di ciascun immobile. Ieri il Dipartimento delle Finanze ha diffuso la circolare con tutte le indicazioni pratiche, che confermano quanto emerso finora.
Per chi ama far di conto, la procedura è la seguente: la rendita catastale deve essere rivalutata del 5 per cento e moltiplicata per 160. Si ottiene così la base imponibile, sulla quale bisogna applicare l’aliquota base: 4 per mille per la prima casa, 7,6 per mille per tutti gli altri immobili.
Dividendo il risultato per due, si ottiene l’ammontare esatto della prima rata, da pagare entro il 18 giugno. L’acconto, infatti, è pari al 50% dell’importo, calcolato secondo le aliquote base.
Il saldo si paga invece applicando all’imponibile le aliquote che sono state o che verranno stabilite dai Comuni. I quali potranno alzare o abbassare le aliquote base fino a 2 punti per la prima casa, e fino a 3 punti per gli altri immobili. L’Imu andrà pagata in due rate, che scadono il 18 giugno e il 17 dicembre.
Soltanto per la prima casa si potrà scegliere di saldare in tre riprese: in questo caso, entro il 18 giugno bisognerà versare una somma pari a un terzo dell’imposta (calcolata sempre con le aliquote base). Un altro terzo, identico, dovrà essere pagato entro 17 settembre, mentre entro il 17 dicembre bisognerà versare la differenza con l’imposta calcolata sulle aliquote decise dai Comuni. Per le rate di giugno e settembre è necessario pagare con il modello F24 mentre il saldo di dicembre potrà essere versato con un bollettino.
DETRAZIONI
Ogni cittadino ha diritto, sulla prima casa, a una detrazione di 200 euro. Se l’imposta è pari, ad esempio, a 180 euro, non bisognerà pagare nulla. Si ottiene un ulteriore sconto di 50 euro per ogni figlio convivente con meno di 26 anni. La detrazione massima è di 600 euro.
GLI ESEMPI DI COMO
Grazie al calcolatore del sito del Comune di Como, è possibile, partendo da rendite catastali reali, stabilire tre esempi di Imu in città. Un bilocale a Rebbio, con rendita catastale di 271,14 euro, è esente dall’Imu sulla prima casa, che ammonterebbe a 182,1 euro, ma viene annullata dalla detrazione di 200 euro. Se lo stesso immobile fosse una seconda casa, si pagherebbero invece – con l’aliquota al 7,6 per mille – 346,2 euro.
Per un trilocale in centro storico, con rendita catastale di 846,99 euro, l’Imu sulla prima casa ammonta a 369,18 euro, che diventano 269,18 nel caso di due figli conviventi con meno di 26 anni. Se l’appartamento fosse invece una seconda casa, il proprietario dovrebbe pagare allo Stato un’imposta di 1.081,44 euro.
Per un appartamento di lusso in zona Villa Olmo (con rendita catastale di 3.088,41 euro), l’Imu per la prima casa è di 1.875,41 euro, che diventerebbero 3.943,28 qualora l’immobile non fosse l’abitazione principale.
Claudio Bocchietti, presidente di Confedilizia Como, ha definito l’Imu «una patrimoniale a tutti gli effetti, gravosa e non del tutto costituzionale».

Andrea Bambace

Nella foto:
A Como e nel resto della provincia i proprietari di immobili dovranno pagare l’Imu
20 maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto