In dogana giacche “made in Italy” ma arrivavano dalla Cina

Sequestrati oltre 5mila capi

(m.pv.) I militari del gruppo della guardia di finanza di Ponte Chiasso, in collaborazione con i funzionari doganali, hanno scoperto l’ennesimo consistente carico di capi di abbigliamento contraffatti con una etichetta riportante la bandiera italiana o la scritta “italian design”, ma in realtà prodotte in Cina. Il carico stava per essere immesso sul mercato della Penisola da una ditta romana di un quarantenne cinese. Sotto sequestro 1.526 giubbini da donna e 3.600 da uomo. Il titolare dell’attività è stato denunciato alla Procura della Repubblica.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.